QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 27°30° 
Domani 25°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 agosto 2019

Attualità domenica 01 novembre 2015 ore 15:38

"Allibito che i sindaci parteggino per un privato"

Il sindaco di Capoliveri, Ruggero Barbetti, bacchetta i colleghi che nei giorni scorsi si erano detti favorevoli alle corse invernali di Blunavy



CAPOLIVERI — "Ho letto sulla stampa che nell’ultima riunione della Conferenza dei Sindaci della sanità si sia parlato anche di traghetti. Qualcuno devrà spiegarmi del perché una Conferenza che si occupa di sanità si debba occupare anche di slot navali o aerei e quale Compagnia di navigazione debba essere favorita e quale invece debba essere sfavorita". 

Interviene così Ruggero Barbetti, sulla questione traghetti sulla propria pagina Facebook, prendendo decisamente le distanze da quanto concordato dai colleghi che si erano riuniti nei giorni scorsi in conferenza e durante la quale sono stati ascoltati i rappresentati del comitato Per un'isola meno isolata e uscendone con un appoggio alla battaglia di Blunavy per avere le corse invernali.

"Devo premettere che per motivi precedentemente assunti non ero presente alla riunione ma ero egregiamente rappresentato dall’arch. Walter Montagna che mi ha riportato che quello riportato dal comunicato è una forzatura che rasenta il falso. Sarei curioso di conoscere l’estensore del comunicato o di eventuali dichiarazioni rilasciate erroneamente a nome di tutti i sindaci.

Senza entrare, per il momento, nel merito di quanto successo nella suddetta riunione (ne parleremo nelle sedi opportune), sono allibito che istituzioni pubbliche parteggino per un privato contro un altro privato senza considerare che ci sono regole e procedure di evidenza pubblica che non possono essere ignorate. Premesso che io non sto da nessuna parte, ma solo dalla parte della legge e delle norme, ricordo a tutti che gli slot sono assegnati da una struttura pubblica che è la Port Autority vigilata dal Ministero dei Trasporti di cui fanno parte anche la Guardia Costiera e le Capitanerie di Porto. Personalmente non ho alcun dubbio sulla correttezza e sull’onestà delle decisioni prese dalle strutture sopra menzionate. 

Se invece qualcuno ha informazioni diverse si faccia avanti e lo dica pubblicamente. Il referente dei comuni elbani sono la Regione Toscana e il Contratto di Trasporto Pubblico Locale che ha stipulato con Toremar e quindi con Moby che è il soggetto che ha vinto la gara pubblica. E i comuni sono istituzioni pubbliche e quelli sono i nostri interessi, lì possiamo e dobbiamo incidere se vogliamo di più. 

Le risorse economiche che Regione Toscana paga a Toremar sono soldi di noi elbani e di noi toscani e per questo possiamo aprire una vertenza con la Regione Toscana se vogliamo più corse e più servizi. Qualsiasi altra direzione che andasse a richiedere di favorire un privato contro un altro privato è impropria se non addirittura non consentita dalle leggi vigenti, soprattutto se effettuata da un ente locale. E io da questa sciagurata e illegittima ipotesi prendo le distanze da subito.

Senza dimenticare che per calmierare un mercato è fondamentale che accanto ad aziende grandi ci sia una o più aziende piccole. Altrimenti poi, quando tutti sono grandi, trovano sempre il modo per fare una sorta di cartello mascherato. Ricordiamoci che noi oggi abbiamo a che fare con armatori seri ed affidabili, ma non dimentichiamoci anche che in mare, ancora oggi, ci sono sempre i pirati".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport