QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 11°12° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 06 dicembre 2019

Spettacoli mercoledì 26 giugno 2013 ore 20:50

"Intonazione", a Rio Elba il secondo concerto del festival



RIO ELBA - “Impressioni intime” è il titolo che introduce all’atmosfera del secondo concerto di Intonazione, Festival di musica antica e contemporanea. Protagonisti della serata del 28 giugno, alle ore 21, nel suggestivo Eremo di S.Caterina, Rio nell’Elba, saranno Anja Lechner (violoncello) e François Couturier (pianoforte). La violoncellista tedesca Anja Lechner e il pianista francese François Couturier si sono resi conto della loro affinità musicale nel contesto del Tarkovsky Quartet in cui suonano insieme da anni. Con il loro progetto “Duo” tentano di esaltare maggiormente queste loro affini sensibilità musicali. Questo loro incontro porta alla rigorosa scelta di alcuni brani di compositori come G.I. Gurdijeff, Frédéric Mompou, Anouar Brahem nonché di opere dello stesso François Couturier.Il punto di partenza nei programmi di Lechner e Couturier è l‘incontro tra l’oriente e l’occidente, sia in senso storico-musicale che metaforico.L’opera del catalano Frédéric Mompou, per esempio, è una musica molto influenzata dall’Impressionismo francese e allo stesso tempo dai suoni autentici naturali e dalla poesia mistica di San Juan de la Cruz.Il filosofo greco-armeno e maestro spirituale Gurdjieff invece ha creato le sue composizioni sotto l’influenza dei suoi viaggi nel Caucaso e in Asia Minore, inserendo pensieri tradizionali nei suoi “adattamenti” di musica profana e di danze sacrali.Anouar Brahem, maestro della tradizione tunisina dell’Oud (strumento simile al liuto) scrive anche lui musica ispirata sia da fonti orientali che occidentali.Suonando ed esibendosi insieme a Brahem per anni, François Couturier è riuscito ad assorbire una profonda conoscenza del materiale melodico dell’oriente e del ritmo arabo. Molto simili sono le esperienze fatte dalla violoncellista Anja Lechner, che sin da giovane si era accorta di avere una forte propensione per l‘improvvisazione e per la libertà nella sua espressione musicale. In lei c’era sempre una grande curiosità per l’estraneo, per l’indicibile. Sono proprio queste caratteristiche che posizionano una ricercatrice al confine tra musica annotata e improvvisata. Anja Lechner viaggia attraverso le diverse culture e regioni del mondo, tutto questo però affondando le sue radici culturali nell’educazione classica profonda.Presso l’Eremo di Santa Caterina, intanto, in occasione del festival musicale, fino al 5 luglio è possibile visitare liberamente la mostra del fotografo d’arte Gianluca Maver, “Legenda Aurea”, ispirata al soggiorno dell’artista presso il luogo, e colto in alcuni momenti salienti e in varie stagioni dell’anno.


Tag

Salvini: «Il leader delle sardine non vuole confrontarsi con me? La cosa è reciproca»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca