Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:38 METEO:PORTOFERRAIO17°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità martedì 28 febbraio 2023 ore 11:02

Balneari, "ok proroga ora legge di tutela lavoro"

Foto di repertorio

Il Sindacato Italiano Balneari provinciale Confcommercio Livorno al consiglio unitario a Carrara sulla situazione demanio e spiagge



PROVINCIA DI LIVORNO — In occasione del consiglio unitario a Carrara, la Sib provinciale Confcommercio Livorno (Sindacato Italiano Balneari) ha fatto il punto sulle recenti misure a proposito delle concessioni.

"La proroga al 31 Dicembre 2024 per le concessioni demaniali, al 31 Dicembre 2025 in caso di difficoltà di mappatura da parte dei comuni, può aiutare", hanno affermato all'unisono Alberto Nencetti e Gianfranco Giachetti, rispettivamente presidente provinciale e presidente onorario Sib Confcommercio Livorno. 

Per i balneari della provincia di Livorno la tempistica è adeguata per arrivare ad una mappatura esauriente di spiagge e concessioni ma, precisa come precisato da Nencetti, "l'obiettivo finale è una normativa organica che tenga conto degli investimenti fatti dagli attuali concessionari, tuteli il lavoro, e scongiuri il pericolo di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata. La mappatura richiesta dal governo è assolutamente necessaria: solo se la risorsa è realmente scarsa, a quel punto si potrà accettare che le concessioni vadano a gara".

"Togliere le concessioni a chi le ha è come togliere per legge un'azienda a un industriale o un laboratorio a un artigiano, con la sola differenza che le imprese balneari offrono anche un servizio pubblico di gestione delle attività umane, di controllo della balneazione, di monitoraggio delle condizioni ambientali. E soprattutto rappresentano uno standard italiano dell'accoglienza e un moltiplicatore economico per tutto il tessuto economico circostante" ha proseguito Giachetti.

A proposito dello studio commissionato da Sib Confcommercio a Nomisma: "di 26mila concessioni demaniali marittime, solo 7mila riguardano stabilimenti balneari. Il resto riguarda altre tipologie di attività, come ristoranti, alberghi, bar e chioschi. L'universo delle concessioni è ben più ampio di quanto si pensi ed è doverosa una ricognizione accurata prima di lanciare imprese, lavoratori e indotto nel far west delle gare".

"Con il presidente nazionale SIB Confcommercio Antonio Capacchione e ai colleghi di Fiba - ha concluso il direttore provinciale Confcommercio Federico Pieragnoli, che è presente all'assemblea unitaria, - cercheremo di sciogliere i nodi che ancora ci separano dall'approdo a una normativa conclusiva. Nel frattempo ricordo che, quando parliamo di balneari, parliamo soprattutto di imprese familiari, di piccole imprese locali che hanno costruito con investimenti in proprio il lavoro di generazioni. Per questo motivo chiediamo al governo attenzione scrupolosa nell'analisi del presente, ed estrema prudenza nella costruzione del prossimo futuro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È stato riaperto al pubblico il teatro "napoleonico" dedicato al tenore elbano Renato Cioni. Ecco gli interventi realizzati e la sua storia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità