Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:07 METEO:PORTOFERRAIO13°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 18 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Juventus-Roma, Orsato a Cristante: «Il vantaggio sul rigore non si dà mai. Dai la colpa a me perché hai sbagliato il rigore?»

Politica sabato 09 maggio 2020 ore 14:26

Interrogazione parlamentare per recupero ecoballe

Squadra di ricerca delle ecoballe in mare

Porterà la firma dellonorevole Fratoianni portavoce di Sinistra Italiana la nuova interrogazione parlamentare per sbloccare il recupero delle ecoballe



PIOMBINO — Sul recupero delle ecoballe nei fondali del Canale di Piombino è intervenuto l'onorevole Nicola Fratoianni (Leu) che ha annunciato una interrogazione parlamentare al premier Giuseppe Conte. L'intento è quello di trovare una soluzione per evitare il disastro ambientale. 

Al momento tutto il procedimento di recupero risulta bloccato per un problema burocratico legato alla nomina a commissario straordinario del contrammiraglio Aurelio Caligiore (leggi qui l'articolo collegato).

"Era il 23 luglio 2015 quando nelle acque del Mar Tirreno fra la costa toscana e l’Isola d’Elba un cargo disperdeva 56 ecoballe pari a 63mila kg di plastica. Da quando sono state rintracciate sui fondali, 15 di quelle balle sono state recuperate. - si legge in una nota a firma dell'onorevole Fratoianni, portavoce di Sinistra Italiana - Le altre 41 però stanno aspettando che lo Stato si decida a decidere sul pasticcio burocratico venutosi a creare dopo la nomina del Capo Reparto Ambientale Marittimo delle Capitanerie di Porto a commissario straordinario per lo smaltimento. Tutte le operazioni di recupero sono bloccate infatti dal dicembre scorso, dopo una delibera del garante antitrust. Anche ieri riunione nazionale senza decisioni operative, nonostante le richieste degli Enti locali di fare presto per evitare un disastro ambientale, dato che dopo 5 anni le ecoballe mostrano sempre più evidenti segni di deterioramento".

Agli appelli di Regione, Comune e associazioni, in questi giorni l'ennesimo appello a un atto straordinario e puntuale da parte del Governo (leggi qui l'articolo collegato).

“Il governo, a partire da Palazzo Chigi e Dipartimento della Protezione Civile, - ha proseguito l’esponente di Leu - deve dare un segnale concreto nei prossimi giorni, per uscire dalla paralisi burocratica. Presenteremo un’interrogazione in Parlamento rivolta al premier Conte affinché sia individuata una soluzione perchè i lavori di recupero siano fatti in tempi certi ed urgenti. Nessuno si può permettere - ha concluso Fratoianni - che quel territorio magnifico dal punto di vista naturalistico ed ambientale rischi un disastro senza precedenti".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Legambiente Arcipelago Toscano lancia l'allarme dopo l'incendio divampato ieri all'Elba che ha divorato 40 ettari di macchia mediterranea
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità