Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:52 METEO:PORTOFERRAIO20°29°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 29 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, nuovo blocco del Gra. Per fermare il taxi l'attivista salta sul cofano: «Scendi o ti sfondo»

Attualità mercoledì 04 agosto 2021 ore 15:18

Dispositivi anti aggressione per i medici

Foto di repertorio

Consegnato un apposito dispositivo ai medici della continuità assistenziale in servizio nell’Azienda Usl Toscana nord ovest



LIVORNO — Un sistema di allarme sonoro da attivare in caso di aggressione per avvertire il servizio 118 e le forze dell'ordine. E' quello che hanno avuto in dotazione i 70 medici della continuità assistenziale, la ex guardia medica, in servizio nell'Ausl Toscana nord ovest.

Il dispositivo di telesoccorso si chiama Mydasoli e ha lo scopo di garantire la sicurezza del personale sanitario rispetto al rischio di aggressioni, un fenomeno purtroppo presente contro i professionisti della sanità. Misure del genere sono del resto previste da uno specifico accordo regionale per la continuità assistenziale.

Al momento della consegna dei dispositivi ogni medico ha ricevuto la formazione e l'addestramento necessari al loro corretto utilizzo. Il dispositivo è configurato in modo da consentire, tramite un solo tasto, di far partire una chiamata in vivavoce al 118 di zona e inviare un sms con le coordinate di localizzazione, per permettere l’intervento nel caso in cui l’operatore coinvolto non sia in grado di dare indicazioni precise. Le forze dell’ordine possono intervenire su chiamata del 118.

L’operatore del 118 che riceve la chiamata invia un mezzo di soccorso sanitario nel luogo indicato dal medico in difficoltà e, se il medico di continuità assistenziale lo richiede oppure se dai rumori ambientali sorge il sospetto di una situazione di pericolo, è l’operatore di centrale 118 che richiede l’intervento delle forze dell’ordine.

“Garantire la sicurezza dei medici è il presupposto per garantire la sicurezza delle cure - ha commentato Maria Letizia Casani, direttore generale dell’Ausl Toscana nord ovest - e questo principio deve valere sia per i medici di continuità assistenziale, sia per i medici, gli infermieri e il personale sanitario di tutte le strutture. Come azienda, infatti, abbiamo anche assunto diverse iniziative, anche in sede penale, contro le aggressioni sia fisiche sia verbali nei confronti del nostro personale. Recentemente abbiamo segnalato al comando Nas dei Carabinieri l'utilizzo offensivo o verbalmente violento dei social, compresi Facebook e Whatsapp. I primi provvedimenti sono già stati eseguiti nei confronti dei responsabili, con sanzione amministrative che possono raggiungere anche i 5mila euro. Continueremo a denunciare comportamenti violenti che costituiscano ipotesi di reato verso il nostro personale sanitario, per tutelarne l'impegno instancabile prestato al servizio dei cittadini, il cui valore è ancor più encomiabile in questo periodo di pandemia”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Viabilità rallentata in ingresso a Portoferraio complici il maltempo con molte auto in giro e un cantiere di Asa per riparare un guasto non urgente
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

DISSALATORE

Politica