Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:00 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Vaccino obbligatorio per la tutela di tutti»

Cultura martedì 20 maggio 2014 ore 16:12

Un "pezzetto" di Elba al Salone del Libro di Torino

Alvaro Caludi

Il successo dello chef Alvaro Claudi con "A tavola con l'Imperatore"



ISOLA D'ELBA — C’era anche un pezzetto di Elba al Salone del libro di Torino, evento di portata internazionale che si è svolto nel capoluogo piemontese dall’8 al 12 maggio nel complesso fieristico del Lingotto. I protagonisti sono stati, perfettamente in linea con gli eventi del bicentenario, Napoleone Bonaparte e la gastronomia elbana. 77 ricette napoleoniche  raccolte da Alvaro Claudi, chef ormai elbano a tutti gli effetti, in un interessante volume dal titolo “A tavola con l’imperatore”.

Tutto è nato da un quaderno manoscritto, appartenuto al notabile dottor Pasquale Squarci, ritrovato dall’autore tra gli scaffali di un rigattiere. 

“A tavola con l’imperatore” è una panoramica su come si cucinava e cosa si cucinava agli inizi dell’ottocento, quando l’empereur arrivò sull’isola: antiche ricette della tradizione toscana ed elbana - tradotte, commentate e adattate - di un tempo in cui si preparava tutto
in casa, quando con pochi e poveri ingredienti reperiti con le proprie forze si riuscivano a realizzare piatti di tutti i tipi, dai primi ai secondi, passando per liquori, biscotti e caramelle. Nella cornice dell’Arena Piemonte, spazio del padiglione 1 dedicato ai convegni, l’autore
ha raccontato al pubblico del salone di ingredienti e preparazioni ormai dimenticati e di quanto la gastronomia possa essere legata al patrimonio artistico-culturale di un popolo.

La ricetta del Cappon di Galera – piatto da marinai a base di palamita, tonnina, acciughe e biscotto di pane - è diventata per esempio lo spunto per una digressione sul palazzo della Biscotteria, attuale sede del municipio di Portoferraio, all’epoca forno in cui venivano prodotti appunto gallette e “biscotti” di pane. 

Un vero e proprio ritratto storico della cucina degli isolani che vivevano l’Elba del diciannovesimo secolo quello di Alvaro Claudi, accolto con interesse e partecipazione dagli intervenuti - addetti ai lavori e semplici spettatori - alla presentazione di “A tavola con l’imperatore”. L’autore ha sottolineato come il salone internazionale del libro di Torino sia stato una vetrina importante soprattutto per l’Isola d’Elba e per i suoi abitanti che
spesso non sono purtroppo consapevoli della grandezza della loro tradizione culinaria: riscoprirla e promuoverla dovrebbe essere uno degli elementi cardine del rilancio turistico del territorio di cui tanto si parla in questo periodo.

L’impiego di ingredienti e preparazioni non semplicemente provenienti dal mare, ma espressione della nostra cultura alimentare, potrebbe fattivamente contribuire a rendere l’Isola d’Elba meta non solo di turismo estivo di massa, ma anche di turismo enogastronomico di qualità.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questo il bilancio dei nuovi casi positivi al Coronavirus registrati sull'isola nelle ultime 24 ore. Oggi non sono stati effettuati tamponi
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità