Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:19 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden mentre mangia un gelato: «Gaza? Spero in un cessate il fuoco entro lunedì prossimo»

Attualità sabato 25 luglio 2015 ore 19:16

Trovato pezzo di cancello degli altiforni

Durante un incontro pubblico organizzato da Italia Nostra per spiegare la vicenda del muro delle antiche saline è stato rivelata la scoperta



PORTOFERRAIO — Venerdì 24 luglio, ospiti della Libreria Stregata Portoferraio, si è svolto un incontro, organizzato da Italia Nostra, dove è stato spiegato il tentativo di salvare un piccolo muretto, ultima testimonianza delle Saline Granducali di Portoferraio, situato all’interno del cantiere nato in zona Ex Garage Lorenzi (di fronte all’ospedale, in via Carducci). 

"Ci era stato proposto dall’arch. Massimiliano Pardi - anche lui presente alla serata, scrivono da Italia Nostra - responsabile della direzione dei lavori che, per salvarlo, in considerazione delle già esistenti autorizzazioni del Comune di Portoferraio e della Soprintendenza di Pisa, il muretto sarebbe stato “abbassato” a livello della strada e così inserire il previsto parcheggio comunale". 

L’attuale progetto del piccolo muretto delle antiche Saline è quindi frutto di un compromesso tra quello che si poteva fare per mantenere il valore di testimonianza storica e la buona volontà del progettista e della società proprietaria del neonato centro commerciale e residenziale. 

Il muretto è stato in effetti demolito e le lastre originali usate come materiale di recupero. Del muretto vero e proprio rimarrà una traccia tra il parcheggio e un ingresso pedonale dove le lastre originali sono state installate e riconvertite per un uso più “pratico”.

Italia Nostra Arcipelago Toscano preparerà un pannello commemorativo che illustrerà la storia delle vecchie saline portoferraiesi con informazioni culturali e storiche, unitamente a documentazione fotografica. 

"Umberto Gentini collabora con noi con le sue preziose ricerche e documenti. Questo luogo quindi diventerà una nuova sosta nell’itinerario turistico di Portoferraio, ma soprattutto sarà per gli elbani la testimonianza di una economia del passato nata ancora prima degli etruschi e romani, continuata con Cosmopoli, e rimasta fiorente fino alla nascita degli Altiforni che con la loro presenza demolirono nel 1900 tutte le saline". 

Durante la conferenza si è appreso della demolizione di una parte dello stesso muretto contenente un tubo in ferro pieno, “molto duro”, dall’arch. Pardi originariamente ritenuto una vecchia struttura in cemento armato, rivelatasi poi, in seguito a testimonianza a lui stesso riportata da un vecchio elbano, una porzione di uno dei cancelli d’ingresso degli Altiforni.

Infine, la demolizione del vecchio Capannone Ex Garage Lorenzi, fulcro e origine della ristrutturazione di tutto l’isolato in questione, è stata documentata in un video commissionato dall’arch. Pardi all’amico Muti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono passati 20 anni da quell'intervento che ha unito per sempre due cugini e che ha salvato la vita ad uno di loro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Monitor Traghetti

Attualità

Attualità