Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:32 METEO:PORTOFERRAIO13°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Attualità lunedì 01 marzo 2021 ore 18:35

Gli Uffizi diffusi sbarcano all'Elba

Sopralluogo del direttore degli Uffizi Schmidt assieme al presidente della Regione Giani per portare la grande arte sull'Isola dell'Arcipelago toscano



PORTOFERRAIO — Anche l'Isola d'Elba al centro del progetto "Uffizi diffusi". Questa mattina sopralluogo del presidente Eugenio Giani e del direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt a Portoferraio per capire dove sia possibile far sbarcare la grande arte delle Gallerie fiorentine sull'Isola dell'Arcipelago toscano.

All'Elba Cosimo I de Medici fece costruire la città ideale di Cosmopoli (Portoferraio) e nello stesso periodo anche le Gallerie degli Uffizi a Firenze, ma l'Elba è conosciuta anche per essere stata luogo dell'esilio Napoleone Bonaparte. La visita è partita da Portoferraio dal Forte Falcone con il sindaco Angelo Zini che ha lanciato la candidatura dell'Elba per gli "Uffizi Diffusi". Alla visita presente anche il consigliere regionale elbano Marco Landi (Lega). Poi la visita è continuata ai musei napoleonici Villa dei Mulini e nel centro storico di Portoferraio.

Il progetto delle Gallerie fiorentine ideato dal direttore del museo Eike Schmidt mira a portare alcune opere della galleria anche al di fuori del capoluogo toscano. Si tratta di un’operazione rivoluzionaria sia per i turisti che per i cittadini.

Il direttore degli Uffizi era la prima volta che veniva all'Elba: "Mi fa molto piacere che siamo qui, per la cultura con la C maiuscola. Effettivamente l'utopia era quella di Cosimo I e Anna Maria de Medici che parla sempre della Toscana e della sua capitale, quelli che abbiamo agli Uffizi. Vogliamo cambiare adesso, grazie anche alle conoscenze storiche del presidente Giani, una sinergia fantastica, così cerchiamo di portare le opere d'arte in tutta la Toscana, perché abbiamo questa massa di opere d'arte nei depositi e bisogna portarli dove possano raccontare una storia, non solo per i turisti ma anche per i toscani che possono così conoscere la loro storia".

"Grazie al sindaco Zini - ha detto Giani -, avevamo già impostato delle iniziative perché era l'anno di Cosimo bloccate per il Covid e cerchiamo quest'anno di sviluppare qualcosa per Napoleone. Cosimo I ha costruito tre fortezze, Cosmpoli (Portoferraio) e contemporaneamente costruì la Fortezza da Basso e Eliopoli a Castrocaro".

"E' una mattina bellissima - ha dichiarato il sindaco Zini - con l'onore della visita del presidente della Regione e il direttore della Galleria degli Uffizi, il sindaco di Siena, per noi è un grande orgoglio. La nostra idea è far vedere cosa abbiamo per provare a capire se è possibile iniziare dei percorsi di collaborazioni anche temporanei, verso il bicentenario della morte di Napoleone, ma forse la nostra idea è più ambiziosa e ci candidiamo per gli Uffizi diffusi".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità