Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:54 METEO:PORTOFERRAIO22°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 28 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'Aquila, Draghi: «Oltre 1 miliardo del Pnrr destinato per la ricostruzione dopo il sisma del centro Italia»

Attualità mercoledì 15 ottobre 2014 ore 07:00

Sanità: l'ospedale va potenziato

I Comitati Elbani per la sanità auspicano che il presidio di Portoferraio venga riconosciuta maggiore autonomia



PORTOFERRAIO — In seguito alla riunione dello scorso 8 ottobre sono emerse alcune considerazioni che desideriamo condividere con i cittadini.

Partendo dal passato per costruire il nostro futuro, possiamo considerare l’Accordo firmato dai Sindaci con la Regione il 23 novembre 2012, delibera Regionale n°1069 del 03-12-2012 (rappresentava circa il 70% delle richieste iniziali dei Sindaci) una base di partenza che sicuramente deve essere migliorata e implementata per rinforzare la realtà sanitaria insulare.

Ricordiamo sinteticamente i principali punti ottenuti: guardia attiva H/24 di anestesia-rianimazione, Unità Operativa Complessa, mantenimento servizio di Oncologia; Cure palliative; Ospedale di Comunità; Attività senologica; ambulatori invariati; Life pak per emergenza urgenza (in caso di infarto per trasmissione ECG e consulto); Telerefertazione radiologica; Reparto materno infantile mantenuto; Punto nascita (anche se il numero dei parti è inferiore a 500) in virtù dell’insularità è stato mantenuto; il trasporto in elicottero per patologie gravi.

A nostro avviso, il modello organizzativo futuro su cui invitiamo le Istituzioni a riflettere, considerati gli errori del recente passato, pur considerando un’unica aerea sanitaria Elba, Piombino, Cecina, è quello di considerare l’Elba in posizione centrale.

Il presidio Ospedaliero di Portoferraio e il territorio dell’Elba, in virtù dell’insularità meritano maggiori attenzioni e una declinazione dei servizi adatta a compensare il disagio dell’insularità per rendere totale ed equa la fruizione del diritto alla salute dei cittadini.

Sino a quando avremo continue peregrinazioni di medici ed infermieri sarà difficile ottenere una certa stabilità. Non esistono situazioni permanenti, tutto è in divenire; le eccellenze devono essere premiate.

A grandi linee, senza entrare nel dettaglio, possiamo dire che sicuramente il Pronto Soccorso deve essere potenziato, dotato di stanze per Breve Osservazione; benissimo 2 Posti letto di terapia intensiva; sicuramente rinforzata la Radiologia, la Pediatria con numero adeguato di personale; servizio dialisi; l’iperbarica potenziata; utile una sezione di cardiologia; gli ambulatori specialistici potenziati.

Il Polo chirurgico deve essere rivisitato e rivitalizzato, ricordando che la Traumatologia gioca un ruolo importante sull’Isola, così pure la Chirurgia: entrambe dovrebbero essere un fiore all’occhiello!

I servizi basilari in Ospedale e sul territorio devono essere fruibili sull’Elba e di buon livello; per patologie gravi o sospette tali, l’elicottero è il mezzo più veloce e sicuro per raggiungere i centri di 2°- 3° livello ma è uno strumento compensativo d’eccellenza, non sostitutivo di quanto può essere erogato sull’Isola.

Talvolta la difficoltà di accesso ai servizi può causare ritardo nella diagnosi e peggiore può essere la prognosi. Inoltre dobbiamo sempre pensare alle spese sostenute dagli Elbani per recarsi in continente per problematiche che potrebbero essere gestite sull’Elba.

Per i motivi sopra elencati pensiamo sia importante confrontarci con le istituzioni in Conferenza dei Sindaci che auspichiamo sia convocata a breve.

I Comitati Elbani Riuniti pro Sanità Elba

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A sfidarsi saranno 100 equipaggi che in due giorni dovranno percorrere 500 chilometri in 10 tappe sulle strade dell'isola d'Elba scoprendo degli indizi
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità