Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:23 METEO:PORTOFERRAIO22°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 25 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden: «Oggi è un giorno triste, a rischio salute delle donne»

Politica lunedì 16 maggio 2022 ore 10:45

Tari aumentata, Terra Nostra protesta

Umberto Canovaro, capogruppo di "Terra Nostra"

Il gruppo di minoranza consiliare sottolinea che durante l'amministrazione Corsini la cifra complessiva è aumentata di 340mila euro



RIO — "Eravamo stati facili profeti quando nel febbraio 2021 protestavamo per un sistema di smaltimento rifiuti porta a porta che oltre a procurare innumerevoli disagi alla popolazione e non rendere i paesi più puliti, avrebbe fatto lievitare i costi della gestione del servizio. E ciò, nonostante le rassicurazioni del Sindaco, rivelatesi infondate". 

Il gruppo di minoranza consiliare Terra Nostra critica le scelte della giunta Corsini sulle tariffe della Tari.

"Infatti, - spiegano dal gruppo - all’ultimo Consiglio Comunale del 14 maggio, TERRA NOSTRA ha dimostrato come da 1.489.000 spesi per la Tari nel 2018, si è passati a 1.604.000 l’anno successivo (mille euro in più poi, nel 2020), 1.681.000 l’anno scorso, e ben 1.827.569 previsti per l’anno 2022 (più altri 78.000 di tassa provinciale). In 4 anni, da quando si è insediata l’attuale Giunta, i costi Tari per i riesi sono lievitati di circa 340mila euro: 100,00 euro ad abitante, come media pro capite, neonati compresi (anche se all’interno delle varie categorie di utenti andrebbero fatte le opportune segmentazioni). Insomma, una “partita” di bilancio, che sfiora i 2 milioni di euro all’anno! E’ una cosa incredibile, per un comune delle dimensioni di Rio! E il costo sarà pagato dai cittadini". 

"Lo avevamo scritto che il porta a porta sarebbe costato uno sbotto, e con scarsi risultati. Da anni chiediamo l’apertura di una vertenza con ESA per verificare i costi di gestione su Rio, e siamo inascoltati. Ma c’è ancora di più: l’illogicità dei coefficienti applicati, in particolare sulla parte fissa della tariffa. Alcuni esempi: le utenze domestiche (67% del totale): tutti gli scaglioni, la pagano al massimo. Fra le non domestiche, le hanno derogate i bar, supermercati, alimentaristi. Le hanno al massimo le pizzerie e ortofrutta. Dov’è la logica? Sempre al massimo, edicole, cartolerie, alberghi, fioriste, parrucchiere, carrozzerie. Meno male che le derogano anche per i venditori di tappeti e per gli antiquari! A Rio, c’è pieno! Un’ ultima ciliegina: chi vuol pagare con unica rata l’importo intero, può farlo, ma il 30 giugno: vi pare normale in una cittadina turistica che lavora d’estate? Abbiamo chiesto - invano ovviamente - che la spostassero al 30 settembre. Il fatto è che la maggioranza entra in Consiglio senza neanche aver letto le delibere, altrimenti questi strafalcioni che fanno arrossire, li eviterebbero", concludono  da Terra Nostra.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo aveva 91 anni ed era molto conosciuto per aver aperto il primo negozio di abbigliamento specializzato per bambini in città
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità