Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:50 METEO:PORTOFERRAIO17°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 01 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La drammatica battaglia per l'acciaieria Azovstal di Mariupol vista con gli occhi del soldato-cameraman: le immagini

Cronaca martedì 06 dicembre 2016 ore 18:01

All'ultimo controllo il pacemaker era al 69%

L'Usl NordOvest precisa sul caso del decesso di Magda Sanguinetti: "Al controllo effettuato a novembre la batteria del defibrillatore era al 69%"



RIO MARINA — "L’Azienda USL Toscana nord ovest, in merito al caso della signora Magda Sanguinetti deceduta nei giorni scorsi all’Isola d’Elba, tiene a porgere sentite condoglianze alla famiglia, confermando la piena disponibilità a fare emergere con chiarezza quanto accaduto".

Comincia così la nota dell'Usl sul caso di Magda Sanguinetti, la 77enne di Rio Marina deceduta lo scorso 24 novembre e sulle cui cause indaga la magistratura per scoprire se il defibrillatore al quale era collegata abbia funzionato correttamente o meno. 

Magda era stata sottoposta a impianto di ICD (defibrillatore cardioverter) nel 2012 ed eseguiva i normali controlli periodici. A seguito della segnalazione ricevuta dalla ditta fornitrice degli impianti, la multinazionale americana St.Jude, l’Azienda ha proceduto a richiamare la signora per una visita straordinaria eseguita a Portoferraio l’11 novembre scorso e in quella occasione la paziente e la figlia sono state informate della problematica emersa a livello internazionale.

"Al momento del controllo - continua la nota dell'Azienda - la memoria dell’impianto non ha evidenziato aritmie e/o terapie erogate (la signora non era pacemaker dipendente) e il device aveva ancora il 69% di capacità residua ovvero aveva una carica in grado di assicurare il suo regolare funzionamento"

Nel corso dell’incontro era stata segnalata la presenza di un allarme a vibrazione che si sarebbe attivato nel caso di esaurimento della batteria ed erano state date indicazioni alla signora e ai familiari sul comportamento da seguire in caso di avviso. 

"Conformemente alle indicazioni - fa presente l'Usl - condivise dal Ministero della Salute e dalla Associazione Italiana Aritmologia e Cardiostimolazione (Aiac) era stato programmato un nuovo controllo a tre mesi".

In Azienda USL Toscana nord ovest risultano attualmente 207 persone con tali dispositivi impiantati attivi. Dal momento dell’alert 195 persone sono già state controllate o hanno controlli programmati, mentre i restanti 12 lo saranno nei prossimi giorni.

Se il malfunzionamento fosse confermato, verifica possibile solo in seguito all'autopsia che si terrà fra qualche giorno, quello elbano sarebbe il primo caso in Europa di morte collegata all'apparecchio difettoso, al momento solo altri due casi negli Usa sono stati acclarati come tali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha emesso un nuovo codice giallo per il proseguire di temporali forti su parte della costa toscana e isole
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

DISSALATORE

Attualità

Cronaca

Attualità