QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 21°26° 
Domani 20°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 19 settembre 2019

Politica venerdì 11 dicembre 2015 ore 09:43

"Sulla sanità Rossi ha mentito sapendo di mentire"

Mario Ferrari, sindaco di Portoferraio, attacca il presidente Rossi e elenca tutte le criticità del presidio elbano: su tutte la mancanza di personale



PORTOFERRAIO — Dopo il turismo, la sanità. E' un uno-due pugilistico quello che Mario Ferrari, sindaco di Portoferraio, porta al corpo della giunta regionale. L'attacco, non meno diretto del precedente, questa volta è sulle, secondo il primo cittadino, promesse poi disattese di aiuto per l'ospedale elbano che ora si trova in difficoltà soprattutto sul fronte del personale.

"Correva il 2012 - comincia Ferrari - quando il presidente Enrico Rossi affermava: “Non è vero che i sindaci dell’Elba sono stati abbandonati. La scorsa settimana l’assessore regionale alla sanità Luigi Marroni ha incontrato i sindaci dell’isola d’Elba proprio per discutere con loro una nuova organizzazione sanitaria che tenga conto delle risorse disponibili. L’assessore si è impegnato a definire in tempi rapidissimi, due mesi circa, un progetto sanitario specifico, che miri a tenere conto delle peculiarità dell’insularità e della qualità, quantità e sicurezza dei servizi sanitari. L’obiettivo è assicurare i migliori servizi ai cittadini”. 

"Da allora - continua il primo cittadino elencando i motivi di attrito - abbiamo assistito: alla declassificazione del nostro ospedale a presidio di prossimità, fatto gravissimo perchè non si prevedono più sul nostro territorio servizi insostituibili, all’approvazione di una legge di riforma sanitaria che nessuno vuole e che trova ampio dissenso tra partiti, categorie di professionisti del settore sanitario, comitati di cittadini e molti elettori dello stesso P.D., alla bocciatura, dell’emendamento per salvare i piccoli ospedali e sottrarli ad un più ampio “riordino sanitario”, al tentativo di zittire la voce di 55mila cittadini che chiedono un referendum abrogativo della legge per non proseguire sulla strada di una centralizzazione in nome di un risparmio tutto da dimostrare. 

"Come se questo non bastasse per ben valutare la giunta PD regionale toscana in questi anni abbiamo assistito alla perdita di personale sanitario - vero grande punto dolente, secondo Ferrari - con conseguente progressivo smantellamento dei servizi: un solo medico per il centro trasfusionale con la paventata riduzione dell’attività del servizio, un solo medico per la pediatria, reparto lentamente ma progressivamente smantellato dopo il pensionamento del primario nel 2013, perdita di personale medico nei reparti di anestesia e chirurgia tanto che oggi sono in gravi difficoltà per mantenere un servizio nelle 24 ore, una drastica riduzione del personale di ginecologia ridotto ora a due sole unità e che ha visto recentemente interrompere, sia pure momentaneamente i servizi ambulatoriali, un personale ortopedico ridotto ai minimi termini con un solo ortopedico in zona ed un altro che giunge in soccorso dal presidio ospedaliero di Piombino, ed ospitato nelle 24 ore in modo indecoroso tanto che sempre maggiori sono le resistenze per venire a prestare servizio sull’isola, la perdita progressiva di personale infermieristico che aggrava ulteriormente la qualità dei servizi. 

A fronte di questo disastro sanitario il nuovo assessore viene a proporre una fantomatica ed irrealizzabile “scuola infermieristica”. Noi abbiamo bisogno di infermieri e di medici, abbiamo bisogno di servizi ospedalieri e territoriali, abbiamo bisogno di ridurre le liste di attesa e non di allievi".

Ferrari spazza così via la grande novità introdotta dall'assessore Stefania Saccardi durante la sua ultima visita all'Elba, insieme alla previsione nel testo di legge regionale di una zona-distretto per l'Elba e l'arcipelago.

"L’assetto sanitario che si è venuto a realizzare - conclude Ferrari - è stato responsabile di disservizi, anche gravi, che i cittadini mi hanno segnalato e che sono stati prontamente segnalati ai responsabili aziendali. Quindi Enrico Rossi, e l’ex assessore alla sanità Marroni hanno mentito, ma cosa ancora più grave hanno mentito sapendo di mentire e anche se all’Elba abbiamo “un buon clima, il sole e belle spiagge”, come lei ha detto signor governatore, sappia che a noi non bastano, vogliamo anche un ospedale degno di questo nome ed è giunto il momento che ognuno si assuma le proprie responsabilità, non certo morali perché a quelle ovviamente nessuno di voi è interessato".



Tag

Distrugge la Ferrari: l'accelerazione, la frenata e lo schianto

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Sport