Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:04 METEO:PORTOFERRAIO12°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Terzigno, carabiniere prende a calci un ragazzo che ha le mani alzate: rischia il trasferimento

Attualità sabato 23 settembre 2017 ore 12:05

Due navi, diversi significati

Le navi della Marina Militare lasciano l'Elba

Nello stesso giorno della commemorazione delle vittime dello Sgarallino il ministro della Difesa sulla Vespucci all'Elba. Il commento di Beppe Tanelli



PORTOFERRAIO — Ha suscitato molti commenti, la maggior parte dei quali non certo positivi, quella che noi stessi abbiamo definito "visita lampo" del ministro della Difesa Roberta Pinotti a Portoferraio. Il effetti il ministro si è trattenuto sul suolo elbano per meno di un'ora: arrivata a Marina di Campo in elicottero pochi minuti dopo le 16, mezz'ora più tardi è salita sulla pilotina della Vespucci per partecipare ad un evento di chiusura della campagna di addestramento degli allievi della Accademia Navale di Livorno. Il tutto, senza un minimo contatto con le autorità dell'isola. Nello stesso giorno, proprio l'isola d'Elba ed in particolare Portoferraio hanno ricordato le vittime del piroscafo Sgarallino, silurato da un sommergibile inglese il 22 settembre 1943. Due eventi, la parata della Marina Militare con ministro al seguito, e la commemorazione delle centinaia di morti, che hanno diversi significati e chiavi di lettura. Vi proponiamo quella di Beppe Tanelli, ex presidente del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano ed appassionato commentatore delle cose elbane.

" Fortunato quel Paese che non ha bisogno di celebrare i suoi eroi". E le centinaia di bambini, vecchi, donne e uomini che morirono il 16 settembre 1943 sotto le bombe degli aerei tedeschi e quelli che sei giorni dopo, i 22 settembre, morirono con l' affondamento dello Sgarallino ad opera di un siluro inglese, non lo erano. Ma questi morti devono e sono stati ricordati, a memoria di un Mondo e di un Europa in cui l' inglese, il tedesco l' italiano il francese,... " dovevano ammazzarsi fra di loro". Sono passati 74 anni e la loro morte è stato uno dei tasselli che hanno portato la pace in Europa. La prima volta dagli albori della storia. Una Pace preziosa che dobbiamo esportare in tutto il Mondo e difendere strenuamente. Ieri mattina il Comune di Portoferraio e l' Elba tutta, hanno ricordato, davanti ai ragazzi delle scuole i morti dello Sgrarallino, come tutti gli anni. In rada c' era l' Amerigo Vespucci e altre navi della Marina militare. Nessun segnale è arrivato dalla loro presenza. Il pomeriggio è arrivato il Ministro della Difesa, è salito a bordo del Vespucci. Ha salutato i ragazzi in divisa che saranno i futuri ufficiali della nostra Marina Militare. Nessuno ha ricordato lo Sgarallino.

Non so le ragioni di questi eventi separati e non partecipati, e nenche voglio saperli. Dico soltanto, cara Ministra Pinotti, che se una rappresentanza dei "ragazzi in divisa" al mattino fossero scesi al Molo Elba alla cerimonia del Comume, e se una rappresentanza dei "ragazzi delle scuole" al pomeriggio fossero saliti sul Vespucci, la cosa sarebbe stata più bella e ricca di significati.

Beppe Tanelli

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dopo le recenti vicende che mettono a rischio le compagnie del gruppo Onorato è lo stesso armatore ad intervenire per spiegare cosa sta accadendo
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Sport