comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:10 METEO:PORTOFERRAIO14°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 27 novembre 2020
corriere tv
Napoli, davanti al San Paolo l'emozionante omaggio dei tifosi: cori e fumogeni per Maradona

Attualità giovedì 06 ottobre 2016 ore 17:40

"Serve più personale al centro per l'impiego"

​La Filcams e la FP CGIL di Livorno chiedono sull'Elba un immediato potenziamento del centro per l'impiego per tamponare l'emergenza



PORTOFERRAIO — "Ogni anno la normativa per presentare la domanda di Naspi cambia - spiegano le categorie - mentre lo scorso anno c'erano 90 giorni di tempo, ora sono soltanto 15 e la ristrettezza dei tempi sta avendo sull'isola un effetto disastroso"

Sono troppi infatti i lavoratori e le lavoratrici stagionali che si stanno rivolgendo all'ufficio rispetto alle capacità di accoglienza, perciò i tempi di attesa sono talmente lunghi che gli utenti dormono per strada in modo da non perdere il posto.

"La situazione emergenziale ha implicato un accampamento fuori dagli uffici - proseguono le segreterie - dove si sono verificati anche disordini, che mettono a rischio la sicurezza degli utenti e degli stessi lavoratori del centro per l'impiego, che si trovano incolpevolmente a gestire, non solo le pratiche, ma anche un clima di malumore crescente". 

"Che all'isola d'Elba i lavoratori stagionali siano moltissimi è cosa nota - sottolineano la CGIL - da parte nostra siamo pronti per offrire supporto nella compilazione delle pratiche, come da sempre facciamo con professionalità e serietà, quest'anno abbiamo anche implementato gli operatori della nostra sede di Portoferraio, in via della Fonderia, proprio per arginare gli effetti della nuova normativa. Sono moltissimi infatti i lavoratori che si rivolgono al centro per l'impiego, avendo già espletato le pratiche al patronato". 

I tempi brevissimi a disposizione di chi deve presentare la domanda per ricevere un ammortizzatore, che comunque non è rispondente alle esigenze della stagionalità, provocano l'ingorgo: molti sono, infatti, coloro che vengono dal continente per lavorare all'Elba.

"Se questi lavoratori avessero avuto i 90 giorni non sarebbero stati costretti a rivolgersi all'ufficio elbano - puntualizza la Filcams, che rappresenta gli stagionali - perciò, in previsione di una contrazione dei tempi e di una moltiplicazione degli utenti, gli enti preposti avrebbero dovuto organizzarsi". 

La Funzione Pubblica da parte sua fa il quadro della situazione in cui versano i lavoratori che sono chiamati a svolgere il servizio: "I lavoratori che in questi ultimi anni ricevono i flussi delle disoccupazioni - illustra la Fp CGIL - sono 5 di ruolo e 5 precari, in quanto provenienti dal mondo degli appalti, e complessivamente non sufficienti a fronteggiare il carico di lavoro presentatosi quest'anno. 

In momenti di picco come questi deve essere presente una figura di coordinamento che organizzi il lavoro dell'ufficio, capace di gestire le emergenze e con la  responsabilità di segnalarle. Anche dal punto di vista della sicurezza i dipendenti che svolgono servizi pubblici all'Elba sono abbandonati a se stessi – conclude la Fp - in quanto lavorano in sedi non adeguate.

Il centro per l'impiego è fatiscente e, quindi, deve essere ricollocato altrove, una buona occasione per riunire in un unico Polo anche Inps e Inail, in modo da offrire un servizio di assistenza completo e più accessibile, dotato naturalmente di un organico adeguato".



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità