Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:15 METEO:PORTOFERRAIO16°31°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 18 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La delusione produce estremismo. Quindi, attenzione

Attualità mercoledì 28 aprile 2021 ore 16:48

Portoferraio celebra San Cristino, suo patrono

Ecco come si svolgeranno le celebrazioni del santo patrono della città le cui spoglie sono conservate nella chiesa della Misericordia



PORTOFERRAIO — La città di Portoferraio festeggia il 29 Aprile il santo patrono, san Cristino, le cui spoglie mortali sono conservate nella chiesa della Misericordia, in Salita Napoleone. 

Le celebrazioni religiose si svolgeranno nel pieno rispetto delle norme anti pandemia. Intanto questo pomeriggio, 28 Aprile, attorno alle 18, le reliquie del patrono saranno traslate dal loculo funebre ubicato nella Misericordia in forma strettamente privata e trasferite nel duomo della Città, esposte così all’adorazione dei fedeli.

Negli anni precedenti il trasferimento dell’urna avveniva con una solenne processione e il 29 Aprile, nel pomeriggio, se ne svolgeva un’altra per le strade cittadine, che terminava con la benedizione alla città. 

Ciò anche quest'anno non si farà a causa delle restrizioni anti Covid-19, tranne la benedizione alla Città, che avverrà dal sacrato del Duomo, al termine della santa messa. 

Essa sarà officiata con rito solenne il 29 Aprile a partire dalle 18 da don Sergio Trespi e dagli altri parroci elbani, sempre in Duomo. Al termine delle funzioni, l’urna sarà nuovamente adagiata nella chiesa della Misericordia.

Dalle notizie storiche tratte dal sito della “Venerabile Confraternita della Misericordia” viene tramandato che nel 1661 il “corpo santo” fu scoperto nella catacomba di Priscilla. Il portoferraiese Antonio Vai, appartenente alla Confraternita della Misericordia, recatosi casualmente a Roma, fece richiesta al Papa Alessandro VII perché gli concedesse un ‘corpo santo’.

Il Pontefice quindi donò la reliquia di san Cristino alla comunità di Portoferraio. La reliquia giunse a Portoferrario il 29 aprile, giorno che divenne festa patronale per la comunità portoferraiese. Nel 1764 papa Clemente XIII accolse la richiesta di elezione di san Cristino a “santo patrono” di Portoferrario; infatti la S. Congregazione dei Riti, il 7 aprile 1764, concesse alla festa di san Cristino, il 29 aprile, tutti i privilegi riguardanti le feste dei principali Protettori. In data 9 agosto 1764 il decreto ebbe il benestare dell’imperatore Francesco I. 

In occasione dei festeggiamenti per il santo, generalmente viene aperta la cripta dove sono conservate le reliquie di san Cristino, e queste vengono esposte nella chiesa dell’arciconfraternita e successivamente trasferite nel Duomo. In seguito ad una funzione religiosa vi è la processione nelle vie del centro storico di Portoferraio per riportare l’urna contenente le reliquie del Santo nella chiesa della Misericordia dal cui sagrato avviene la benedizione della città.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella caduta l'auto si è ribaltata. Sul posto sono intervenute Pubblica Assistenza di Capoliveri, polizia municipale e vigili del fuoco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Erica Fiumalbi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Politica