Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 25 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atleta iraniano di MMA prende a calci ragazza che non indossa il velo

Attualità giovedì 13 ottobre 2016 ore 16:40

"Rischiamo un taglio di 20 milioni per l'Elba"

Il presidente del consiglio comunale Luciano Rossi lancia l'allarme: "Questa riforma rischia di svuotare completamente la sanità elbana"



PORTOFERRAIO — Tagli alla sanità, regole di ricovero penalizzanti, costi maggiori e meno servizi per i cittadini. Sono questi i punti cardine della denuncia che Luciano Rossi, presidente del consiglio comunale e assessore alla sanità di Portoferraio, lancia insieme al sindaco Mario Ferrari nella conferenza stampa che si è tenuta questa mattina nella sala consiliare della Biscotteria.

"Abbiamo il dovere di far riflettere su quello che sta succedendo - attacca Rossi - la riforma sanitaria che il Governo nazionale ha in cantiere rischia di essere nient'altro che un nuovo prelievo fiscale, una tassa occulta che però peggiora i servizi sanitari per i cittadini".

"C'è un elenco di patologie che prima venivano curate con il ricovero in day hospital che ora sono trasformate in servizi ambulatoriali a pagamento, quindi con l'esazione del ticket sanitario, ma la sostanza dell'intervento medico non cambia. La Regione in questo senso è stata precursore rispetto al Governo nazionale".

"Allo stesso tempo una serie di patologie sono classificate in maniera diversa, con un diverso numero di Prg per pagare meno. Il Prg - spiega Rossi - è un numero che si attribuisce a una determinata patologia e a questo numero corrisponde un trasferimento di denaro dallo Stato alla periferia. I ricoveri in sala operatoria hanno Prg più pesanti quindi vengono classificati come day hospital per risparmiare".

"in questo modo - continua - non solo non vengono garantiti i servizi medici assistenziali minimi ma si rischia un minore trasferimento verso l'Elba di 20 milioni di euro. Con questi tagli il distretto Elba non solo è una scatola vuota ma rischia di non sopravvivere facendo diventare l'ospedale un grande pronto soccorso".

La documentazione raccolta da Rossi e Ferrari è stata inviata ai parlamentari e ai consiglieri regionali di Forza Italia e Fratelli d'Italia perchè vengano trasferite all'interno di altrettante interrogazioni sia parlamentari che regionali.

Venendo alla situazione elbana Rossi precisa: "Non si può valutare il numero di personale sanitario necessario in base al numero di accessi, questo è un criterio che ci penalizza, si deve valutare in base alla qualità degli interventi necessari. Così come si deve uscire dall'equivoco che il personale medico non venga all'Elba perchè scomoda: è l'azienda sanitaria che deve inserire nel proprio bilancio una serie di incentivi per chi viene. Dobbiamo avere personale motivato, non costretto a venire qui perchè altrimenti viene escluso dalla graduatoria"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono sette le ragazze che hanno superato la prima preselezione del concorso che si è svolta a Porto Azzurro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità