Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PORTOFERRAIO12°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 26 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Letta: «Dobbiamo chiuderci in una stanza a pane e acqua per la soluzione»

Attualità domenica 31 ottobre 2021 ore 12:00

Restauro patrimonio culturale, oltre 800mila euro

Veduta centro storico di Portoferraio

Gli interventi finanziati per oltre 500mila euro con contributi, puntano a valorizzare alcune strutture storiche della città di Portoferraio



PORTOFERRAIO — Il sindaco di Portoferraio Angelo Zini fa sapere che nelle prossime settimane inizieranno una serie di interventi. Di questi tre progetti riguardano interventi di restauro e manutenzione del patrimonio storico culturale della città per un importo complessivo di 817.000 euro

"Si tratta di un'ulteriore passo nella direzione di salvaguardia e valorizzazione del nostro grande patrimonio storico che continua in una tradizione ormai ultra decennale", commenta il sindaco Zini.

"Un altro intervento atteso e ora in fase di realizzazione è quello per la difesa della nostra costa a sud della rada da Magazzini a San Giovanni, dovuta all'erosione e all'arretramento della riva anche in conseguenza dei cambiamenti climatici. L'intervento, già affidato alla ditta vincitrice, è valutato per oltre 900.000 euro" (leggi qui l'articolo), aggiunge il sindaco Zini.

Qui di seguito alcune informazioni sui progetti dedicati al restauro e alla valorizzazione del patrimonio storico e culturale della città di Portoferraio.

Restauro e valorizzazione della batteria, camminamenti ed accessi alle fortificazioni della piazzaforte di Portoferraio ubicati tra la muraglia del Forte Stella e la residenza napoleonica

Il progetto di restauro prevede le opere finalizzate all’accesso e valorizzazione della Batteria, facente parte delle fortificazioni della piazzaforte di Portoferraio per funzioni di pubblico interesse, rivolte alla creazione di itinerari connessi a interventi di carattere sociale e culturale di una parte delle fortificazioni attualmente interdette alla pubblica fruizione. La Batteria si trova tra il piede della muraglia del Forte Stella ed i giardini della residenza napoleonica dei Mulini. L’area museale che il Comune intende creare con la valorizzazione della batteria ed il tracciato viario di accesso, è in una posizione strategica e quindi indispensabile, per consentire il collegamento dei percorsi della zona nord delle fortezze, grazie al tunnel sotterraneo presente, che permette l’accesso ai bastioni sottostanti dai quali si accede, a sua volta, ad un percorso (attualmente intercluso) che consente di leggere le possenti fortificazioni medicee adiacenti. 

I lavori prevedono lo sfalcio della vegetazione infestante presente sulla Batteria, per riportare alla luce l’originaria forma e gli spazi della fortezza militare, oltre alla messa in sicurezza delle troniere con ringhiere identiche a quelle già presenti nelle restanti fortificazioni oggetto di recenti opere di restauro e valorizzazione (Forte Falcone e Fronte d’attacco verso terra), e cancelli da posizionare sia all’ingresso del “cammin di ronda” che unisce l’area alla residenza napoleonica dei Mulini” sia all’uscita del tunnel sotterraneo.

Prevista sia l’illuminazione del tracciato viario che la realizzazione di canalizzazione interrata con la rimozione delle parti in cemento e asfalto scuro o altro materiale avulso dal contesto, attualmente presente in sito ed il conseguente rifacimento del selciato con conglomerato simile all’originario.

L'importo complessivo dell’intervento ammonta ad Euro 310.000,00 oltre oneri accessori per Euro 70.000,00, per un totale di Euro 380.000,00. Il progetto risulta vincitore del bando per l’erogazione di contributi con il bando “Interventi di sostegno per le città murate e le fortificazioni della Toscana” – L.R. 3 marzo 2021 per un contributo di Euro 200.000,00 mentre per la restante parte di Euro 180.000,00 il progetto è stato candidato al bando “Fondo per gli investimenti nelle isole minori.


Recupero restauro e valorizzazione mura storiche della città per accessibilità pubblica spazi finora interdetti Bastione S.Fine, Batteria Spagnoli, Torre Linguella” 1- Bastione S.Fine e Batteria degli Spagnoli

L’intervento è riferito al restauro ed alla conservazione dei bastioni di S. Fine e batteria Spagnoli attualmente gravemente ammalorati ed invasi da vegetazione spontanea per consentire la fruibilità pubblica in sicurezza di zone attualmente interdette, per permettere la lettura delle muraglie settecentesche, facenti parte del “fronte d’attacco verso terra” della città fortificata di Portoferraio. 

Il progetto prevede in particolare lo sfalcio della vegetazione infestante che ha invaso le muraglie antiche, per rintracciare l’originario piano di calpestio dei bastioni nella zona d’ingresso della Batteria degli Spagnoli, per rimettere in luce le “panchiere” ancora presenti tra le “troniere” dei bastioni; la demolizione delle superfetazioni di recente realizzazione ubicate, nella parte bassa dell’ingresso del bastione; la  demolizione delle pavimentazioni di recente realizzazione avulse dal contesto nella zona prospiciente l’accesso al “passaggio segreto” al fine di rintracciare, se ancora esistente, l’antica pavimentazione; asportazione delle parti in cemento presenti nel monumento, oltre all’intonaco distaccato e gravemente ammalorato e cadente, mentre verrà consolidata e restaurata la parte dell’intonaco ancora esistente; restauro delle lesioni presenti sia nella volta di copertura del “passaggio segreto”, che nella scala di accesso alle troniere della batteria degli Spagnoli; restauro del piccolo locale , ancora presente all’interno dell’area.

Previsto il restauro e consolidamento della base della garitta del bastione di S.Fine per conservare le parti ancora presenti della struttura portante della garitta andata perduta; sostituzione dell’attuale ripida rampa di recente realizzazione con gradoni, pavimentati , come la restante parte della zona d’ingresso per consentire all’utenza un agevole accesso in sicurezza; posa in opera di ringhiera con tipologia materiale e colore identica a quelle già presenti nelle aree del Forte Falcone e del “fronte d’attacco verso terra” della città; posa in opera di recinzione metallica all’interno del bastione Santa Fine per delimitare le aree aperte al pubblico dall’area limitrofa con ringhiera con tipologia materiale e colore identica a quelle già presenti nelle aree del Forte Falcone e del “fronte d’attacco verso terra” della città, per delimitare l’area aperta al pubblico etc.

"Considerato l’alto valore paesaggistico, oltre che storico architettonico dell’immobile, - si legge nella scheda descrittivs degli interventi - sia nella parte bassa, che nell’area sovrastante direttamente accessibile dalla pubblica viabilità, si prevede la creazione di un percorso culturale, che possa far leggere il monumento nel contesto storico ove risulta ubicato con la creazione anche di un’area di sosta quale punto panoramico". 


Torre della Linguella

Torre della Linguella o del Martello

Sono previsti il restauro delle zone oggetto di degrado e ammaloramento a causa dell’ossidazione dei ferri dei tre prospetti lato terra, tramite la demolizione degli intonaci cadenti, la scalzatura, con piccoli utensili, dei ferri d’armatura , la pulizia, l’idrolavaggio, trattamento protettivo per ferri d’armatura, trattamento consolidante di tutti i supporti stonacati e la posa del nuovo intonaco. Nelle aree limitrofe alla Torre si prevede, in presenza di cavità e fori, il restauro con materiali idonei. Sono previsti il restauro delle inferriate delle aperture del monumento proteggendo il ferro senza modificarne l'effetto antico; il restauro del portone in ferro e legno.

Il quadro economico dell’opera ammonta ad Euro 280.852,10 a base d’asta, oltre all’IVA , spese tecniche e incarichi esterni, imprevisti e arrotondamenti per un totale complessivo di Euro 327.200,00.

Il progetto risulta vincitore del bando per l’erogazione di contributi per la valorizzazione delle mura storiche per un totale di Euro 116.000,00, la restante parte pari ad Euro 211.200,00 è finanziata con risorse proprie dell’Ente.

Con determina dirigenziale n. 651 del 26/10/2021 è stata avviata una procedura negoziata per l’appalto dei lavori dell’opera  per un importo complessivo d’appalto pari ad Euro 280.852,10.

Progetto di restauro e valorizzazione del prospetto principale del Teatro dei Vigilanti

Teatro dei Vigilanti, Portoferraio (foto di archivio)

Il progetto si riferisce al recupero e restauro del prospetto principale e parte dei due prospetti laterali del teatro dei Vigilanti attualmente fortemente degradati. Gli interventi prevedono la totale verifica dello stato di consistenza degli intonaci ed il conseguente rifacimento delle parti ammalorate e la tinteggiatura (con prodotti certificati CAM) e sostituzione di alcuni infissi facenti parte del primo intervento risalenti 1979 oltre alla posa in opera dei portoni d’ingresso.
L’intervento ha anche lo scopo di ricostruire le parti mancanti delle mensole e decori delle cornici del prospetto principale e parte dei laterali, dopo aver effettuato la pulitura corticale delle superfici, il conseguente consolidamento strutturale mediante la chiusura delle brecce e la verifica del funzionamento degli scarichi delle acque piovane della copertura , oltre alla rifinitura e tinteggiatura con colore simile a quello esistente. Si prevede inoltre la revisione dei manti di copertura prospicienti la facciata principale ed il rifacimento del manto dell’ala est. 


Il quadro economico dell’opera ammonta ad Euro 97.053,27 a base d’asta , per un totale complessivo di Euro 110.000,000 Il progetto risulta vincitore del bando pubblico misura 7.6.2 - Gal Etruria - fase I.

Con determinazione dirigenziale n. 585 del 30/09/2021, a seguito di procedura effettuata sulla piattaforma START della Regione Toscana, si affida all’Impresa Cellini s.r.l. di Impruneta l’appalto dei lavori (aggiudicazione provvisoria in attesa della verifica dei requisiti) per la somma di Euro 89.403,56 al netto dell’IVA, per un totale di Euro 98.343,92, con un ribasso dell’8,00% sull’importo posto a base di gara.

I lavori inizieranno appena terminate le verifiche dei requisiti di legge e completati entro il 30 giugno 2022.


RIEPILOGO QUADRI ECONOMICI INTERVENTI:
Città murate 2021 Euro 380.000,00 totalmente finanziato

Città murate 2016 Euro 327.200,00 di cui finanziati Euro 116.000,00;

Teatro Euro 110.000,00 di cui finanziati Euro 100.000,00;

Totale Euro 817.200,00  Totale finanziamento da bandi Euro 596.000,00.

Per conoscere in dettaglio tutti gli interventi previsti si veda la scheda allegata in fondo all'articolo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Scomparso all'età di 80 anni era stato tra i sostenitori del Rallye Elba a fianco di Elio Niccolai. Tanti i messaggi di cordoglio
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità