Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:PORTOFERRAIO11°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità mercoledì 20 dicembre 2017 ore 15:50

Ogni elbano spende 789 euro l'anno nel gioco

Il dato preoccupante arriva da un'inchiesta giornalistica. Sull'isola bruciati in giocate oltre 30 milioni l'anno. Maglia nera a Portoferraio



PORTOFERRAIO — Forse i cittadini elbani non se ne sono accorti, ma ognuno di loro spende ogni anno 789 euro in giocate, la maggior parte delle quali attraverso slot machines e videopoker. Il dato, rimbalzato in questi giorni grazie a quanto pubblicato on line da Repubblica.it, fa parte di un fenomeno italiano decisamente diffuso, ma che all'isola d'Elba assume caratteristiche preoccupanti.

I proventi delle giocate complessive relativoe all'anno 2016, infatti, ammontano a 30,8 mln euro, a fronte di una popolazione residente di 32.066 persone, con un reddito pro capite di 17.290,5 euro, Sul territorio dell'isola ci sono ben 286 apparecchi per ricevere diversi tipi di giocate, come dire 8,91per 1000 abitanti.

A fare la parte del leone , manco a dirlo, è Portoferraio, con 1455 euro di giocate pro capite  e 10,5 apparecchi per ogni singolo abitante. Subito dopo, però, a dimostrazione di una tendenza preoccupante inversamente proporzionale alla popolazione residente, c'è Rio nell'Elba, con 1217 euro di giocate procapite e ben 18,1 apparecchi per ogni singolo abitante.

Nella galleria fotografica allegata le videate relative alle giocate per ogni singolo comune; nell'analisi fatta dalla ricerca, l'unico comune "virtuoso" è Marciana, che in una scala da 1 a 5 conta ben 5 punti a proprio favore, mentre gli altri comuni elbani hanno 2 punti, con Portoferraio che chiude con un solo punto.

Del resto - rende noto il sito avvisopubblico.it -  i dati sulla raccolta del gioco d’azzardo in Italia e sulle relative entrate fiscali nel corso del 2016, comunicati dal Ministero dell’Economia in Commissione Finanze alla Camera, fanno segnare l’ennesimo incremento rispetto all’anno precedente. Ad impressionare è il dato sulla raccolta nel lungo periodo, raddoppiato dal 2008 ad oggi.

A fare la parte del leone sono ancora una volta slot machines e videolottery (oltre il 50% della raccolta complessiva). Ad incidere maggiormente nella crescita della raccolta rispetto al 2015 sono sia la tipologia dei giochi di carte/abilità a distanza (+2,7 miliardi) che i giochi a base sportiva (+1,9 miliardi).

Sul sito di Avviso pubblico sono disponibili altri dati sulla spesa 2016 e relativi grafici, unitamente ad una ricostruzione degli interventi adottati dalle Amministrazioni regionali e locali in materia (dall’applicazione del c.d. “distanziometro”, alla limitazione degli orari di apertura, ai requisiti delle sale da gioco , ai limiti alla pubblicità, fino agli incentivi per gli “esercizi no slot” e alle campagne di sensibilizzazione e prevenzione).

Avviso Pubblico ha realizzato anche un video con le testimonianze di un ex giocatore e del responsabile di un centro di recupero. Sulla presenza delle organizzazioni criminali nel settore del gioco lecito ed illecito leggi la relazione della Commissione antimafia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A distanza di pochi giorni un altro traghetto di Toremar si ferma per un guasto. Dopo parte della giornata a Piombino poi è ripartito
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Cronaca

Cronaca

Monitor Traghetti