Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:23 METEO:PORTOFERRAIO16°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 21 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La torcia olimpica brilla sul red carpet del Festival di Cannes

Cronaca martedì 31 ottobre 2017 ore 14:37

Botte e minacce ai genitori, tutto per la droga

I carabinieri, mossi da numerosi sospetti e dai segnali lanciati dai familiari, hanno arrestato il giovane di Portoferraio



PORTOFERRAIO — Arrestato un 28enne di Portoferraio, già noto alle forze dell'ordine, per aver aggredito e minacciato i genitori per ottenere, il più delle volte, i soldi necessari per acquistare sostanze stupefacenti.

Gli uomini dell’Arma avevano capito che qualcosa non quadrava all’interno di quelle mura domestiche ed avevano cercato già in passato di avvicinare i genitori che con molte difficoltà avevano lanciato qualche segnale. Affidato in prova ai servizi sociali per reati di droga, il giovane tossicodipendente aveva anche falsato i risultati delle urine durante i controlli del Sert.

La segnalazione dei carabinieri aveva comunque portato il magistrato di sorveglianza ad interrompere il programma e a disporre nuovamente la carcerazione dell’uomo che è rimasto recluso in carcere per un lungo periodo di tempo. Scarcerato da qualche mese, i carabinieri hanno però continuato a monitorarlo riscontrando che la situazione familiare non era affatto cambiata, tant’è che il giovane continuava a comprare cocaina e proprio qualche giorno fa era anche stato trovato dall’Arma in possesso di un paio di dosi di stupefacente che aveva appena acquistato. 

I carabinieri hanno deciso di recente di sentire amici e parenti della coppia scoprendo che si era orami rassegnata a questo meccanismo perverso del figlio che stava mandando sul lastrico un’intera famiglia. 

L'operazione ha permesso di emettere nei confronti del giovane un'ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita nella mattinata. L’uomo è stato pertanto associato alla Casa Circondariale di Livorno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria alla quale dovrà ora rispondere dei reati di estorsione, maltrattamenti e violenza privata, per i quali sono previste pene che possono raggiungere anche i 10 anni di reclusione.     


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha diramato un bollettino con codice giallo per le produzioni 24 ore. Ecco le informazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Lavoro

Attualità

Attualità