Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
«Viva la libertà, dannazione!»: Milei abbraccia Trump

Attualità mercoledì 21 febbraio 2018 ore 06:42

Il Tribunale e il concetto di insularità

Danilo Alessi

L'intervento di Danilo Alessi sulla questione della mancata proroga alla chiusura della sezione staccata: "Il governo faccia un passo indietro"



PORTOFERRAIO — Non so cosa sarebbe successo se il diadema di Venere tirrenica non si fosse rotto e le perle non si fossero disseminate in mare per trasformarsi nelle sette isole dell’Arcipelago Toscano. Probabilmente oggi l’Elba sarebbe un prolungamento di piazza Bovio oppure terra sommersa dalle acque abitata solo dalla fauna marina. Ma le cose sono andate in altro modo e la preistoria, più prosaicamente, ci racconta che ciò che siamo oggi altro non è che la frantumazione della precedente penisola, avvenuta alcune migliaia di anni fa.

Una parte di Toscana, dunque, ma divisa dal mare. E diversa, per questo, da tutto il resto del territorio continentale.

Una diversità che altri difficilmente percepiscono o che sono disposti a comprendere, anche perché sostanzialmente diversi sono stati i processi sociali, economici e politici che nel tempo l’hanno differenziata rispetto ad altre zone della Toscana e perché diversa, soprattutto, è la collocazione territoriale.

Questa diversità ha un nome: insularità.

Ed è rispetto a questa condizione di essere isola che occorre misurare il grado di soddisfacimento dei diritti costituzionali per le persone che la abitano.

Il diritto alla salute, alla istruzione, alla mobilità devono essere garantiti agli elbani in misura non minore di altri o comunque non tale da apparire come una vera e propria condizione d’inferiorità sociale. E fra i diritti al cittadino, previsti dalla Carta Costituzionale, per gli elbani vi è anche quello della giustizia, quello cioè di usufruire di uffici e personale in grado di svolgere la funzione giurisdizionale sull’isola, al fine di evitare costosi e disagiati trasferimenti in continente. La presenza di un tribunale a Portoferraio ha fino ad oggi assolto in larga parte a questa funzione ed è inaccettabile e mortificante che a causa di un provvedimento governativo che penalizza le piccole comunità, venga chiuso definitivamente, senza considerare quanto possano essere gravi le ricadute in termini non solo di legalità ma anche di sicurezza per le popolazioni locali.

Il governo Gentiloni faccia un passo indietro, finché è in tempo. Gli elbani non possono accettare questo ulteriore sopruso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un elbano ha scritto una lettera di ringraziamento al team di Pisa per le cure ricevute perché all'Elba non è stato possibile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cultura