Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:50 METEO:PORTOFERRAIO12°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 23 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Santorini? No, questa è la copia cinese perfettamente riprodotta

Cronaca lunedì 08 luglio 2019 ore 18:00

Guida pericolosa, il bilancio del fine settimana

Foto di repertorio

Guida in stato di ebbrezza, guida con il cellulare e guida senza casco e patente. Questi i reati contestati dalla Polizia di Portoferraio sulle strade



PORTOFERRAIO — Controlli a tappeto sulle strade elbane per la sicurezza - in particolare contro l'uso di alcool e droga alla guida - durante la notte fra sabato e domenica da parte del personale delle volanti del Commissariato di Portoferraio. In questa ultima settimana d’estate, come spiegano dal Commissariato, sono proseguiti i controlli messi in atto in tutta la stagione estiva dal Commissariato per scongiurare gli incidenti stradali, spesso con esiti fatali o comunque dalle gravi conseguenze, che si verificano nel corso della movida del fine settimana. 

Alle ore 4,20 in località La Pila, un quarantenne alla guida di un motoveicolo a seguito del controllo è risultato avere un tasso alcolemico pari a 1,40 g/l nella prima prova ed 1,42 nella seconda.  Sono scattati il ritiro della patente, il sequestro del veicolo e la segnalazione in Procura per guida in stato di ebrezza. 

Nel corso della stessa notte, a Portoferraio, in un posto di controllo nella zona Acquedotto, è stato sorpreso un altro motociclista  che procedeva senza casco e con la patente scaduta. 

Non è sfuggita alla pattuglia neppure la guida pericolosa di una donna che, a bordo di un’autovettura, ascoltava i messaggi Whatsapp. 

Dal Commissariato di Portoferraio ricordano che in una indagine statistica una nota agenzia imputa 3.000 morti alla distrazione causata dal cellulare. Ad abusarne soprattutto i giovani. 

La legge sull’omicidio stradale, inoltre, invoca il carcere per l’uso di Whatsapp alla guida se si colpisce un pedone anche se l’incidente stradale causato non è mortale. 

Più nello specifico la pena prevista è: reclusione da 3 mesi a un anno quando si provoca una lesione grave; reclusione da uno a tre anni quando si provoca una lesione gravissima.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Controlli intensificati da parte dei carabinieri per garantire la sicurezza sulle strade elbane. Ecco il report
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Sport