Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:52 METEO:PORTOFERRAIO13°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il Texas prima e dopo gli incendi, la devastazione vista dal satellite

Attualità lunedì 23 ottobre 2023 ore 08:21

Misure a sostegno dell'ambiente, "agire in fretta"

L'assessora all'Ambiente del Comune di Capoliveri Laura Di Fazio interviene sulla questione dopo il convegno sul turismo sostenibile



PORTOFERRAIO — "Di recente è stato organizzato a Portoferraio all’’Hotel Airone il Convegno dal titolo “Isola d’Elba - Stati Generali del Turismo sostenibile all’Isola d’Elba” di cui si è letto sulla stampa. Ho avuto modo di partecipare e, grazie allo spazio concessomi dagli organizzatori, ho potuto portare un contributo personale a nome dell’Amministrazione di cui faccio parte, esponendo l’esperienza maturata sul campo dal Comune di Capoliveri. Ciò che è emerso dagli interventi del convegno, a cui hanno preso parte esponenti delle varie associazioni di categorie imprenditoriali presenti sull’Isola e rappresentanti delle Istituzioni locali e della Regione Toscana, è la presa d’atto che la stagione turistica 2023, soprattutto nel periodo luglio/agosto, è stata caratterizzata da un calo di presenze all’Isola d’Elba, fenomeno in linea con quanto di regola avvenuto nella maggior parte delle località turistiche italiane. Ciò alla luce della generale situazione di criticità economica originata dall’onda lunga della pandemia su cui si è innestata la crisi dell’Ucraina, fattori scatenanti che si sono riverberati sui prezzi delle materie prime, sui tassi dei mutui e quindi sull’aumento dell’inflazione".

Lo scrive in un intervento l'avvocato Laura Di Fazio, assessora alla Tutela dell’Ambiente del Comune di Capoliveri.

"E’ evidente che tante famiglie hanno dovuto fare i conti con la realtà di una diminuzione delle risorse economiche disponibili, riducendo e/o rinunciando alle vacanze oppure scegliendo mete meno costose o raggiungibili senza attraversare il mare che comporta oltre che quello dell’alloggio anche quello del traghetto. - prosegue Di Fazio - Tale consapevolezza ha costituito, ad avviso dei vari relatori ed anche della sottoscritta l’occasione per sollecitare iniziative correttive della programmazione delle attività turistiche visto che l’Isola d’Elba dispone di caratteristiche e potenzialità ben superiori a quelle fino ad oggi espresse. Dal convegno è quindi emersa la necessità di un graduale sforzo di adeguamento delle strutture ed infrastrutture presenti sul territorio alle istanze di una domanda oggi orientata verso un turismo di qualità, a costi razionali e ambientalmente sostenibile. Senza adeguati interventi di sistema a tutela delle risorse naturali, quest’isola di sogno rischia di disperdere l’unicità ambientale che la individua per cedere il passo allo sfruttamento non razionale delle risorse (si pensi soltanto al mare) che, come ben sappiamo, non sono beni illimitati ed in grado di rigenerarsi all’infinito, con ripercussioni sulla salute della popolazione come anche dell’economia dell’Isola d’Elba".

"Ben vengano dunque: a) l’Accordo di Programma tra i soggetti istituzionali e l’imprenditoria come suggerito dal Consigliere Speciale della Presidenza della Regione Toscana; b) il Progetto Elba 2030 in 10 punti illustrato durante il Convegno. - aggiunge Di Fazio - Tali iniziative hanno il merito di aver individuato e proposto soluzioni concrete per mirare oltre che alla destagionalizzazione del turismo elbano, puntando, oltre che sul tradizionale turismo balneare anche su quello sportivo e sulla valorizzazione della storia e delle attrattive naturalistiche dell’isola così come avviene in altre realtà turistiche, dato che l’Elba è la maggiore delle piccole isole italiane e dispone di aree naturalistiche e di un’offerta di prodotti agroalimentari di eccellenza che costituiscono occasione per vacanze all’insegna della cultura e della scoperta delle tipicità del territorio". 

"Quindi - prosegue Di Fazio - il richiamo è a un sempre maggiore coordinamento delle istituzioni e dell’imprenditoria dell’isola che, senza rinnegare l’unicità e la tipicità delle comunità locali, faccia leva sulla condivisione degli sforzi e delle idee verso l’obiettivo comune che è e resta la valorizzazione del turismo di qualità dell’isola. Mi preme però ricordare che il tempo della programmazione teorica è scaduto e occorre agire in fretta anche usando i modelli già individuati negli anni precedenti a tutela del turismo sostenibile per pervenire al superamento delle criticità evidenziate finora dal territorio. Al primo punto deve porsi quindi la tutela del mare che costituisce una delle risorse fondamentali dell’isola con la sua indiscussa attrattività; è quindi prioritario per gli enti locali farsi promotori del potenziamento del numero e della qualità degli impianti di depurazione oltre che della manutenzione di quelli esistenti anche inserendoli all’interno dei piani di programmazione territoriale: non è impossibile!"

"L’isola ha infatti un picco di presenze temporalmente definito e il mare ha il tempo di rigenerarsi nei mesi invernali. I depuratori servono eccome! - aggiunge l'assessora - Ricordo che nel territorio di Capoliveri sono stati già progettati dal gestore due ulteriori impianti di depurazione da realizzare a Lido e a Naregno: la loro realizzazione attende solo il superamento degli ultimi passaggi che possono essere ovviati anche attraverso la collaborazione degli enti locali. Pari importanza riveste il riciclo delle acque reflue da destinare all’irrigazione dei giardini e al sostegno dell’agricoltura visto che l’acqua dei pozzi non può sopperire in maniera esclusiva a tale esigenza. Quindi occorre inserire nei piani di programmazione territoriale degli enti locali – qualora non ancora previste - prescrizioni ad hoc per la realizzazioni di impianti di reimpiego delle acque reflue prevedendo incentivi per le strutture che se ne dotino". 

"In tale direzione il Comune di Capoliveri, fra le varie iniziative in cantiere a sostegno dell’ambiente, ha approvato l’elaborazione di uno studio di fattibilità, per dotare il territorio comunale di un impianto di fotovoltaico diffuso, attraverso la messa a disposizione di aree pubbliche, per il contenimento della spesa energetica e soprattutto dell'inquinamento atmosferico nell'ottica della realizzazione a 360gradi di un moderno Comune green, come giusto aspettarsi in un’isola facente parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.Quindi buttiamo oggi più che mai il cuore oltre l’ostacolo perché il gioco vale la candela che illumina e…non inquina!", conclude Di Fazio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La presidente della Pubblica Assistenza Capoliveri spiega quanto accaduto sul porto di Piombino ad un mezzo con due pazienti oncologici a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità