Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:PORTOFERRAIO13°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanità, la classifica dei 250 migliori ospedali al mondo di Newsweek: Roma batte Milano

STOP DEGRADO mercoledì 18 ottobre 2023 ore 12:19

"Esalazioni di carburante e amianto a Carpani"

Legambiente Arcipelago Toscano chiede di intervenire: "Alla lettera di 4 mesi fa ha risposto solo l’Usl".



PORTOFERRAIO — "Il 24 giugno, Legambiente Arcipelago Toscano ha inviato Sindaco del Comune di Portoferraio, all’Usl e ad Arpat una lettera nella quale si leggeva: 'Ci è stata segnalata da diversi cittadini la situazione del distributore Agip Eni situato a Portoferraio in Via Colonnello Marco Antonio Carpani n. 90 e di due depositi in eternit posti tra il distributore e il retrostante condominio. I cittadini lamentano i seguenti problemi: i rifornimenti giornalieri effettuati con autocisterna rilasciano delle forte esalazioni di benzene e gasolio, che possono provocare danni alla salute delle persone che abitano nelle vicinanze, costringendole a chiudersi nella propria abitazione. Anche dopo i rifornimenti, dagli sfiatatoi collegati ai depositi interrati fuoriescono esalazioni. I due depositi in eternit, che sono stati installati più di 40 anni fa e pian piano si stanno degradando, rilasciano probabilmente polveri e fibre notoriamente cancerogene, che mettono a rischio la salute delle persone che abitano nelle vicinanze'".

Lo spiega Legambiente Arcipelago Toscano in una nota.

Il Cigno Verde chiedeva di "verificare la situazione attuale e la sua pericolosità, mettendo in atto tutte le misure per mitigare l’impatto di un impianto che tratta sostanza pericolose nel bel mezzo di un quartiere densamente popolato; verificare lo stato dei due depositi in Eternit e provvedere affinché sia effettuata una loro rimozione/bonifica al più presto possibile".


"A quasi 4 mesi dall’invio della segnalazione, - scrivono da Legambiente - l’unica a rispondere è stata l’USL che il 22 settembre ha ricordato che « Le “Linee Guida sull'amianto” di cui all'art. 9 Bis della Legge Regionale n.51/2013 pubblicate con Deliberazione della Regione Toscana 9 Aprile 2018, n 378 prevedono che “...la gestione di esposti, segnalazioni e richieste di informazioni che riguardano ambienti di vita è di competenza del Comune, che si avvale dell'Azienda Usl in particolare per quanto riguarda la verifica della valutazione dello stato di conservazione dei MCA, e di ARPAT per quanto riguarda i rifiuti”. Quindi la Azienda Usl è a disposizione per valutare la relazione sullo stato della copertura, relazione che quindi deve essere richiesta al proprietario dell’immobile e inviata eventualmente a questa U.F. per una valutazione. Per quanto riguarda le esalazioni segnalate, la Azienda Usl non dispone di strumentazione per il loro rilevamento".


"Sappiamo anche che alcuni cittadini hanno interessato il Comune esponendo le stesse problematiche. Legambiente torna quindi a chiedere al Comune di Portoferraio un intervento urgente per riportare la situazione sotto controllo e permettere così che il distributore possa operare senza creare disagi e pericoli a chi vive nelle vicinanze e perché vengano eliminate subito esalazioni ed amianto pericolosi per la salute umana", concludono da Legambiente.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La presidente della Pubblica Assistenza Capoliveri spiega quanto accaduto sul porto di Piombino ad un mezzo con due pazienti oncologici a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca