Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO25°30°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 07 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Johnson: «Sono triste, lascio il lavoro più bello del mondo»

Attualità mercoledì 09 settembre 2020 ore 10:19

"E' il momento di ricordare la partigiana Olimpia"

Dante Leonardi
Dante Leonardi

A chiedere il riconoscimento per il ruolo svolto dalla donna durante la sua gioventù è Dante Leonardi che fa appello al sindaco di Portoferraio



PORTOFERRAIO — "Sulla scia delle iniziative amministrative dell'epoca Ferrari, anche il sindaco Angelo Zini, con tutt'altra visione politica, in occasione dell’ultimo Consiglio Comunale ha conferito una cittadinanza onoraria e più precisamente alla senatrice Liliana Segre. La senatrice Segre è superstite dell'Olocausto e attiva testimone della Shoah italiana ed è impegnata sul temi dei diritti umani e dei valori fondanti la democrazia. Un gesto importante che onora la nostra comunità, sempre però, durante l'amministrazione Ferrari, oltre alle innumerevoli cittadinanze onorarie, abbiamo assistito ad altrettante intitolazione di vie e piazze, che oltre a disorientare la toponomastica generale in alcuni casi non se capisce il perché".

Si apre così una nota di Dante Leonardi, già dipendente del Comune di Portoferraio e attuale presidente Avis di Portoferraio, che rivolge a titolo personale un appello al sindaco di Portoferraio.

"Nel caso in cui, il Sindaco Zini volesse continuare ad imitare il suo predecessore con l’intitolazione di qualche via, mi permetto un piccolo suggerimento. - prosegue Leonardi - Nel 1944, quando sbarcarono le truppe di colore, assetate di sesso e presero di mira le giovani donne, nonostante che famiglie cercassero di nasconderle, a cercare di fermare questi soldati, prese l'iniziativa una giovane donna, Olimpia Mibelli Ferrini di 21 anni. Più volte fece scudo con il suo corpo al fine di consentire la salvezza dell’onore di quelle tante ragazze portoferraiesi. Nel descrivere le sue gesta, fu definita 'prostituta', però dalla testimonianza di persone dell’epoca, è stata descritta una ragazza libera, esuberante, vivace, una popolana magari un pò allegra e generosa, ma non una donna da marciapiede. Alla fine della guerra, Olimpia fu presentata come un’eroina tanto che l'amministrazione dell'epoca propose di offrirle pubblicamente una ricompensa, ovvero una medaglia d'oro, ma in quell'Italia perbenista e bigotta, l'idea non ebbe alcun seguito e venne poi dimenticata".

"Olimpia - aggiunge Leonardi - morì nel 1985 e fu tumulata nel cimitero comunale di Portoferraio e a distanza di tempo i sui resti vennero rimossi dalla nuda terra e conferiti nella fossa comune, senza lasciare più niente a testimoniare del suo passaggio terreno. Come scrisse il Corriere Elbano in occasione della sua morte, Olimpia fu 'partigiana senza medaglie e celebrazioni', ecco caro Sindaco il mio suggerimento, individuare una nuova via, uno slargo, una piazzetta, da intitolare a questa eroica concittadina".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È partito da Empoli con la sua bicicletta speciale da lui realizzata per raccogliere fondi a sostegno di un gruppo di ragazzi down di Fermo
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

STOP DEGRADO

Lavoro