Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:55 METEO:PORTOFERRAIO11°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Politica martedì 20 aprile 2021 ore 17:45

Crisi Moby, "politica pensi al servizio pubblico"

L'associazione "Responsabilità in Comune" chiede alla politica e ai sindaci di attivarsi affinché siano garantiti servizi di qualità



PORTOFERRAIO — In seguito alle vicende delle compagnie Moby-Cin del gruppo Onorato Armatori, interviene l'associazione Responsabilità in Comune, preoccupata delle eventuali ricadute sul servizio pubblico dei traghetti all'isola d'Elba di Toremar, che fa capo allo stesso gruppo.

"Vogliamo anche noi, - si legge in una nota di Responsabilità in Comune - come associazione politica che si sforza di rappresentare una parte di popolazione che ci pare sempre più delusa dagli attuali attori locali e non, scrivere relativamente alla situazione del gruppo Onorato, osservando come i contorni della vicenda, se è vero quello che si legge sulla stampa, non ci pare proprio che possano lasciare spazio ad interventi pubblici diversi dal sottrarre servizio ed eventualmente azienda alla prosecuzione di tali pratiche. Ci riferiamo, sempre stando a quando riportato dalla stampa, alle spese per le sfide sportive, per le ville di lusso, per i jet privati, allo spostamento, o mancato spostamento, di poste di bilancio tra le compagnie pubblico-privata, ma, soprattutto, alle spese a beneficio di partiti, uomini politici et similia".

Secondo l'associazione Responsabilità in Comune "Proprio quest'ultima voce dovrebbe, semmai, imporre alla politica di stare alla larga dalle vicende della compagnia. Ci mancherebbe un altro caso Alitalia, a vantaggio, questa volta, del privato milionario".

"Però una cosa la politica la deve fare assolutamente:- prosegue l'associazione - preoccuparsi della sorte del servizio di trasporto pubblico ed anche di quello privato, visto che non si svolge in regime di libera concorrenza ma è contingentato tramite l'assegnazione degli slot. La politica, tramite i sindaci locali, deve rappresentare presso la Regione Toscana e l'Autorità di sistema questa preoccupazione, e chiedere che venga verificato se esistono le condizioni per mantenere l'assetto attuale delle concessioni ovvero non sia il caso di rimettere tutto in discussione al fine di addivenire, quanto prima, a soluzioni chiare e durature, che offrano ai cittadini e ai viaggiatori in genere le migliori condizioni per usufruire di un servizio di qualità che rappresenta, forse è il caso di ricordarlo, una modalità di esplicazione del diritto, costituzionalmente garantito, di libera circolazione".


"Siamo certi, al di là dei seimila dipendenti, - aggiunge l'associazione - che i lavoratori in genere avranno più futuro se la politica fa il proprio lavoro in modo chiaro e trasparente, promuovendo un mercato altrettanto chiaro e trasparente. Se poi vogliamo ragionare localmente è sotto gli occhi di tutti come, con la cessione (a nostro avviso scellerata) della compagnia regionale di navigazione, i posti di lavoro per gli elbani si siano ridotti, laddove prima si pescava a piene mani dalle nostre marinerie (peraltro proprio tra le famiglie dei comuni con maggiore tradizione, come Marina di Campo o Rio Marina)".

"Insomma, di levate di scudi come quelle recentemente lette ci pare di non avere proprio bisogno, mentre è indispensabile un atteggiamento proattivo dei sindaci verso una soluzione che guardi al presente, ma soprattutto al futuro, nell'ottica del servizio e dell'utenza prima che degli interessi dei vettori, anche perché, nonostante le evidenti difficoltà invernali, siamo certi che, quanto ad appetibilità della tratta, con i numeri estivi ce ne sia abbastanza per dare lavoro e per ingrassare le tasche (come parrebbe avvenuto fino ad oggi)", conclude l'associazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ruggero Barbetti, già sindaco e vicesindaco di Capoliveri, interviene per fare chiarezza sulle vicende giudiziarie in corso sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità