comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:23 METEO:PORTOFERRAIO7°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 16 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'usura al tempo del Covid: così le mafie stanno soffocando l'economia | Roberto Saviano

Attualità lunedì 25 aprile 2016 ore 08:30

Coro di proteste per la Liberazione negata

Dopo la notizia che l'amministrazione comunale non celebrerà il 25 aprile, sono molti i messaggi di protesta arrivati. Eccone alcuni



PORTOFERRAIO — Antonella Giuzio, Cosetta Pellegrini, Mazzei Alesandro, Andreoli Paolo: "Ci saremmo aspettati che un sindaco che rappresenta tutti i cittadini non decidesse arbitrariamente di cancellare una ricorrenza universalmente riconosciuta perchè cosi facendo si incoraggia a dimenticare, si offendono le generazioni piu anziane e si coltiva l'indifferenza tra le generazioni più giovani. Chi, se non le nostre istituzioni, deve mantenere vivo il ricordo di una pagina fondante della nostra storia e della nostra repubblica? Il 25 aprile è una festa di tutti, una festa di popolo e si festeggia per non dimenticare.

Ci auguriamo che prossimamente non si decida di annullare anche il Natale o di celebrarlo in maniera itinerante inviando negli altri comuni addobbi natalizi o pastorelli per un unico presepe comprensoriale. L'amministrazione di Portoferraio ha perso ancora una volta una buona occasione per rappresentare tutti i suoi concittadini e per dare un'esempio di rispetto delle istituzioni, mostrando una chiara inadeguatezza a gestire il proprio ruolo di rappresentanza e di custodia delle storia e delle tradizioni della nostra città".

Il Circolo Patrizia Piscitello SEL- Sinistra Italiana: "Ci saremo oggi, domani e sempre a resistere ai nuovi fascismi. Oggi per dire no a chi non crede che la resistenza sia ancora un principio fondante della nostra democrazia,domani per dire no a chi della Costituzione vuole fare carta straccia. Non è questa la società che sognavano i combattenti per la libertà. Non è questo il futuro cui aspiravano".

Serini Maurizio figlio di Serini Leo classe 1920: "Oggi mi trovo a scrivere qualcosa che mai avrei immaginato e mi sento particolarmente segnato da quanto ho sentito e letto, non solo per la gravità del fatto, ma sopra a tutto come figlio di un uomo che nel lontano 1943 fu internato in un lager nazista, uscendone nel 45 dopo la liberazione da parte dei Russi". 

Babbo ci ha sempre raccontato quello che aveva passato negli anni del fascismo, della seconda guerra, della sua prigionia e degli anni a seguire. Diceva sempre: "voi dovete sapere da chi c'era, perché qualcuno potrebbe tentare di cambiare la storia". Oggi per la prima volta nella città di Portoferraio si nega la storia, una indecente amministrazione non rispetta non solo i suoi cittadini, ma ignora il fatto che il 25 Aprile è una festa nazionale della Repubblica. Se pur disdicevole sarebbe tollerabile se a farlo fosse un semplice cittadino, ma un sindaco e un'amministrazione intera no, questo è inaccettabile, chi amministra lo deve fare per tutti i suoi cittadini, che lo abbiano votato o no, deve riconoscere i valori portanti della costituzione sulla quale ha giurato, e dovrebbe avere quel minimo di dignità da riconoscere di non essere all'altezza.

Adolfo Tirelli: "Il fatto che quest’anno davanti al Monumento dei Caduti , a Portoferraio in piazza della Repubblica, il 25 Aprile,non ci sarà alcuna ricorrenza celebrativa mi INDIGNA ED UMILIA PROFONDAMENTE !!! Ho contattato anche le altre Associazioni Combattentistiche e D’Arma ed ho sentito anche da loro parole amareggiate e piene di stupore per la mancata Celebrazione. Così vanno a perdersi ,come dice il mio collega Manrico Bacigalupi,quei valori primari del bene della Patria e di quanto sangue sia stato versato affinché questo bene sia stato assicurato a tutti, nessuno escluso".



Tag
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità