QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 20°21° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 13 ottobre 2019

Attualità giovedì 10 novembre 2016 ore 17:56

Congelati gli slot per altri quattro anni

L'Autorità Portuale ha ridisegnato il piano slot per le compagnie di navigazione: resta immutato il numero totale e la divisione fra le compagnie



PORTOFERRAIO — Tutto cambia affinchè niente cambi. Ha un'anima gattopardiana l'ordinanza dell'Autorità Portuale di Piombino e Portoferraio che riassegna gli slot alle compagnie di navigazione sulla tratta elbana ma che, nella sostanza, non sposta gli equilibri fra i diversi operatori marittimi.

Se infatti vengono riassegnate le fasce orarie di occupazione degli slot alle compagnie, si ribadisce ancora una volta che il numero massimo di slot possibili nel porto di Piombino è 44 e che resta immutata "la suddivisione quantitativa dell'anno in corso ai vettori operanti". 

Che tradotto significa il volatilizzarsi, per il momento, dei piani di espansione commerciale di Blunavy che puntava a un aumento del traffico estivo per poter operare con un secondo traghetto e sostenere in questo modo le rotte invernali.

Anzi, il mantenimento dell'attuale numero di 44 slot a disposizione per il traffico passeggeri, è ottenuto grazie alla rimodulazione degli spazi sui piazzali piombinesi che verranno sottoposti a una processo di redistribuzione con una modifica alla viabilità d'accesso per il molo 2 e il molo 5, poichè una normativa più stringente sull'utilizzo degli scivoli, finora usati come accosti regolamentari, avrebbe potuto ridurre il numero degli slot disponibili.

Con una nota dello scorso 2 settembre infatti, l’Ufficio Circondariale Marittimo di Piombino rappresentava la necessità "per le future programmazioni commerciali, di riservare in linea di principio, i cosiddetti scivoli alle sole casistiche connesse alle occasionali emergenze o situazioni impreviste che potrebbero compromettere i margini di sicurezza della navigazione e portuale, escludendo pertanto tali aree dall’assegnazione slot ordinaria".

Indicazione compresa dall'Autorità Portuale che ha ravvisato, anche in considerazione dell'intenso traffico passeggeri, peraltro destinato ad aumentare con l'espansione delle crociere nel porto di Piombino, la necessità di redistribuire gli slot alle compagnie marittime e procedere quindi alla definizione del nuovo piano slot estivo, al fine di permettere alle compagnie una programmazione commerciale nell'arco dei prossimi quattro anni (dal 2017 al 2020 compreso).

Le misure messe in campo dall'Autorità Portuale, sono quindi dirette al ricavare maggiore spazio per le operazioni a terra da garantire in sicurezza (sulla scelta ha influito anche l'innalzamento del livello di allerta nei porti e aeroporti) nei momenti di imbarco e sbarco dei passeggeri. In più verrà confermata solo parzialmente le concessione a Moby per il traffico merci verso la Sardegna.

Per quello che riguarda invece la questione elbana l'Autorità Portuale rivendica lo sforzo effettuato per mantenere stabile il numero degli slot a disposizione delle compagnie e mette sul piatto anche una programmazione quadriennale che dovrebbe permettere una strategia commerciale di lungo respiro capace di abbattere le eventuali perdite dovute alle nuove fasce orarie assegnate in estate.

Resta tuttavia granitico il limite dei 44 slot estivi, reso ancora più forte dal forzato minor utilizzo degli scivoli, e proprio su questo punto si basava la proposta di Blunavy: "Nelle diverse proposte - si legge - formulate dalla compagnia Blunavy in tema di riallocazione degli slot, si notava un notevole incremento dell'utilizzo degli scivoli (da 3 a 8 giornalieri) e risultava carente del complesso della visione terra-mare".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata



Tag

Di Maio: «No a qualsiasi forma di patrimoniale»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Sport

Attualità