comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 25°30° 
Domani 23°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 12 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Attualità lunedì 21 dicembre 2015 ore 15:53

Cala dei frati, il sindaco lavora per un'accesso

Il sindaco Ferrari invia una lettera a Legambiente e illustra quale potrebbe essere la strada da percorrere per avere l'accesso pubblico alla spiaggia



PORTOFERRAIO — Finalmente sembra essersi sbloccato l’iter per la riapertura di Cala dei Frati, la spiaggia “proibita” per la cui accessibilità Legambiente, anche con i blitz di Goletta Verde, si batte da moltissimi anni.

Con una lettera inviata all'associazione ambientalista infatti, il sindaco Mario Ferrari, illustra il progetto per creare un accesso via terra alla piccola spiaggia compresa fra la Padulella e le Ghiaie. Il sindaco, dopo aver ripercorso i vari incontri che le precedenti amministrazioni hanno avuto con Legambiente e con le autorità (prefettura e capitaneria) sul tema, e specificando però che "di fatto nessuna azione è stata finora attivata per predisporre un progetto al fine di valutare una eventuale fattibilità compresi i relativi costi" e che "nessuna pratica risulta avviata da parte dell'ufficio tecnico e nessun impregno formale da parte delle precedenti amministrazioni" illustra le due ipotesi di lavoro.

La prima, poi scartata, è quella di installare una passerella in legno lungo il tratto di costa fra le Ghiaie e Cala dei Frati, ipotesi giudicata più economica a breve termine (circa 20mila euro il costo della passerella) ma che richiederebbe un impegno maggiore per la necessità di levarla d'inverno per preservarne il mantenimento dalle mareggiate, operazione che alla lunga quindi risulterebbe più dispendiosa e comunque non preserverebbe il manufatto dalle intemperie estive.

Il sindaco quindi indica come preferibile una seconda via: creare una scaletta all'altezza del cancello esistente fra la proprietà Rizzica - Fragomeni per superare il dislivello di 2,30 mt, quindi un ulteriore dislivello di circa 2,40 mt per poi raggiungere la sommità del pendio che si affaccia sulla spiaggia all'altezza di 18 mt. Il tutto impegnerebbe le casse comunali per almeno 50mila euro.

Il primo cittadino pone però un'ulteriore classe di considerazioni che sono strettamente legate alla futura accessibilità pubblica della spiaggia. Con un'apertura del passaggio si determinerebbe anche un aumento della fruizione e la conseguente necessità di prevedere opere accessorie come parcheggi e spazi di manovra.

La capienza è valutata in 180 persone e si stima la necessità di trovare un'area parcheggio che possa ospitare almeno 72 veicoli, fatta salva la possibilità di istituire uno specifico bus mare per tutto il tratto di costa.

Ferrari quindi conclude con la presa d'atto che tale opere richiederebbe un impegno economico importato per l'amministrazione ma che considera doveroso, dato che la richiesta arriva da numerose associazioni di cittadini, far partire il percorso, tramite una prima perizia, circa la fattibilità dell'apertura di una via d'accesso pubblica.

"Ringraziamo il sindaco Ferrari per il suo impegno - commenta Legambiente - e per aver mantenuto le promesse, ma anche il viceprefetto Daveti e il precedente sindaco Peria per aver riaperto la questione Cala dei Frati che ora Ferrari intende portare concretamente a conclusione. Un ringraziamento va anche ai “frontisti” che hanno acconsentito a discutere per trovare una soluzione a questo annoso problema e a tutti i nostri soci ed ai cittadini portoferraiesi che ci hanno sostenuto in questa lunga battaglia per la fruizione sostenibile di un bene pubblico".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Politica

Spettacoli