Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 03 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Fiorello corre tra le poltrone: la platea è vuota

Attualità lunedì 18 aprile 2016 ore 19:30

Allungamento dell'Alto Fondale per navi più grandi

L'Autorità Portuale presenterà il progetto di adeguamento del porto di Portoferraio: dentro c'è l'allungamento dell'Alto Fondale e del Molo 1



PORTOFERRAIO — Dopo Rio Marina è la volta di Portoferraio. Verrà infatti presentato al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici il progetto di adeguamento funzionale del principale porto elbano.

Una serie di interventi che serviranno sia a migliorare la sicurezza stessa della struttura che la sua vivibilità per i passeggeri. E' questa la principale novità emersa durante l'incontro organizzato dal circolo PD di Portoferraio e al quale era presente, fra gli altri, anche il commissario dell'Autorità Portuale Luciano Guerrieri.

E' proprio Guerrieri a spiegare gli interventi che si intendono realizzare agli spettatori riuniti nella sala della Gran Guardia. Molo 1. E' previsto l'allungamento della radice esterna del molo 1 per una lunghezza di 22,5 metri e l'ampliamento del piazzale auto per permettere un deflusso più agevole durante le operazioni di imbarco e sbarco.

Alto Fondale. E' l'intervento di maggiore impatto: si parla di un allungamento nelle due direzioni per 64 metri da una parte e 56 dall'altra al fine di arrivare a una lunghezza totale di 200 metri. Questo permetterà, se il progetto verrà giudicato idoneo, l'attracco di navi più grandi. "E' un investimento da 2 milioni di euro che punta a sviluppare ancora di più il mercato crocieristico - ha spiegato Guerrieri - è un segmento che vogliamo sviluppare dato che si parla di decine di migliaia di persone l'anno, un input importante per il commercio e l'economia dell'isola".

Ex Cromofilm. Un terzo intervento è previsto per la stazione marittima dell'ex Cromofilm. In questo caso si investiranno altri 2,5 milioni per la riorganizzazione dell'intero edificio (una parte del quale è storica per cui su questa parte si dovrà esprimere anche la soprintendenza). Al piano terra saranno ubicati i servizi ai passeggeri come sala d'attesa, bagni e punto ristoro, al primo piano troveranno posto gli uffici degli operatori portuali compresa l'Appe e quelli delle forze dell'ordine, mentre al secondo piano verranno ospitati i piloti che potranno così avere una visuale delle operazioni portuali.

L'intero progetto è in fase di redazione e non è quello che troverà la più immediata realizzazione. La prossima settimana verranno infatti pubblicati i bandi di assegnazione per i lavori di realizzazione delle due rotonde di Viale Elba: 500mila euro di lavori per le due rotatorie e l'installazione su di esse di due statue realizzate da Italo Bolano, una delle quali raffigurerà Napoleone. I bandi di gara dovranno restare in pubblicazione per 26 giorni e ne serviranno altri 35 prima della consegna lavori: "Per questo - spiega Guerrieri - stiamo valutando insieme al Comune se e quali lavori iniziare prima data l'imminenza della stagione turistica".

L'obiettivo di lungo termine è invece la redazione di un accordo di programma per l'Elba, sul modello di quanto fatto da Piombino e Livorno: "E' un impegno che richiede la sinergia di Comune, Appe, Regione e Governo - sostiene il commissario - ne ho già parlato con l'amministrazione comunale e l'assessore regionale ai trasporti trovando una disponibilità di massima, adesso ci vuole qualcuno che tiri le fila del discorso. Sarebbe importante poter stendere un piano di sviluppo per i prossimi anni e è uno strumento che altrove ha dato grandi risultati".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità