Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Cronaca mercoledì 09 ottobre 2013 ore 08:50

Porto turistico di Marciana Marina, indagati sindaco e altre sette persone



MARCIANA MARINA - Le indagini erano partite diversi mesi fa e vedevano coinvolti amministratori pubblici del comune di Marciana Marina, e funzionari. Dopo circa un anno di raccolta prove e analisi della documentazione al sindaco Andrea Ciumei, all’assessore al lavori pubblici Guido Citti e ad altre sette persone vengono contestate irregolarità nell’affidamento degli appalti per la realizzazione del porto turistico e per la gestione dei relativi servizi. Nel corso delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza erano state eseguite numerose perquisizioni locali, in quattro diverse regioni. Fra gli indagati ci sono anche due avvocati con studi all’Elba e a Roma. I reati contestati sono abuso d’ufficio, turbativa d’asta e corruzione per atti d’ufficio. “Inutile vi dica – ha commentato tramite social network il sindaco Andrea Ciumei - che queste accuse infamanti non mi appartengono. Nulla di quanto riportato corrisponde a verità e avrò modo di dimostrarlo nelle sedi opportune con testimoni e documenti. Grazie a tutti coloro che, in un modo o in un altro, mi hanno dimostrato vicinanza e solidarietà”.
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per evitare l'attesa due pazienti sono stati trasferiti contemporaneamente all'ospedale di Livorno con l'elisoccorso intorno alle 19,30
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO