Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Attualità lunedì 27 agosto 2018 ore 12:35

In carcere per una rapina di dieci anni fa

I Carabinieri di Porto Azzurro

Un romano 32enne residente all'Elba è stato arrestato per una serie di reati commessi nel 2008. Deve scontare una pena di 2 anni e 4 mesi



PORTO AZZURRO — Aveva commesso una rapina aggravata ad Ostia nel 2008 unitamente ad altre persone e l’uomo, identificato nel corso delle indagini, era stato all’epoca denunciato alla Procura di Roma. Condannato al termine dei vari processi alla pena definitiva di due anni e quattro mesi, oltre al pagamento di una pena pecuniaria, Simone di Paola, 32enne romano, ma da anni residente all’Elba, è stato catturato nei giorni scorsi dai carabinieri di Porto Azzurro che lo hanno rintracciato presso la sua abitazione longonese, dando così esecuzione all’Ordinanza emessa dal Tribunale di Roma. Al termine delle formalità, l’uomo è stato quindi associato al carcere di Porto Azzurro dove dovrà ora scontare la pena inflitta nei suoi confronti dalla magistratura romana. I fatti risalgono appunto al 2008 quando l’uomo, dopo essersi impossessato di una macchina, si era anche scagliato violentemente contro una pattuglia che era riuscito a fermarlo dopo un lungo inseguimento.   

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per evitare l'attesa due pazienti sono stati trasferiti contemporaneamente all'ospedale di Livorno con l'elisoccorso intorno alle 19,30
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO