Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:11 METEO:PORTOFERRAIO15°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'invasione del Vermocane: tutto quello che c'è da sapere

Politica venerdì 25 luglio 2014 ore 15:01

Piano Strutturale, Segnini "L'amministrazione legga testi di legge aggiornati"

Veduta di Marina di Campo

Risponde alla maggioranza il Gruppo Nuovo Progetto per Campo "La nuova norma in vigore non consente proroghe!"



CAMPO NELL'ELBA — Botta e risposta senza tregua sul tema del Piano Strutturale. Oggi l'ex sindaco Segnini ribatte alla maggioranza e suggerisce di verificare i testi normativi in vigore.

"Il gruppo consiliare Nuovo Progetto per Campo intende replicare al comunicato del gruppo di maggioranza Punto e a Capo - Rinascita Campese per rispedire al mittente le accuse di miopia e superficialità per le seguenti motivazioni:

1) A sostegno delle proprie ragioni la maggioranza cita l’articolo 17, comma 3°, della Legge Regionale n.1 del 2005, il
quale consente la proroga del periodo per presentare le osservazioni ai piani strutturali. Peccato che tale norma è STATA
ABROGATA dall’articolo 83 della Legge Regionale 17 febbraio 2012 n.6. A beneficio dei lettori, e anche della nuova
amministrazione, di seguito riportiamo il testo VIGENTE dell’art.17:
1. Fermo restando quanto previsto all'articolo 17-bis, il soggetto istituzionalmente competente provvede all'adozione
dello strumento della pianificazione territoriale e comunica tempestivamente il provvedimento adottato agli altri
soggetti di cui all'articolo 7, comma 1, e trasmette ad essi i relativi atti. Entro e non oltre il termine di cui al comma 2,
tali soggetti possono presentare osservazioni al piano adottato.
2. Il provvedimento adottato è depositato presso l'amministrazione competente per sessanta giorni dalla data di
pubblicazione del relativo avviso sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana (BURT). Entro e non oltre tale
termine, chiunque può prenderne visione, presentando le osservazioni che ritenga opportune.
3. Per gli atti sottoposti a VAS si applicano le disposizioni di cui all'articolo 8, comma 6, della L.R. 10/2010.
[omissis...]

Pertanto, se nel vecchio testo della norma si consentiva la proroga dei termini e nella nuova formulazione no, evidentemente
il legislatore regionale ha ritenuto di NON PERMETTERE OLTRE tale facoltà. Prima di accusare gli altri di superficialità,
consigliamo, quindi, alla maggioranza di documentarsi meglio o almeno di consultare testi di leggi aggiornati.
2) In merito ai presunti errori formali e sostanziali di cui sarebbe infarcito il PS replicheremo in una successiva approfondita
nota, cosa che ci è stata impedita di fare in Consiglio Comunale, poiché la maggioranza non ha fornito preventivamente
l’elenco dei rilievi che sono stati avanzati dal Consigliere Rocchi insieme alla convocazione del Consiglio medesimo. A
tal fine preme ricordare alla maggioranza, che fa della trasparenza la Sua bandiera, che il Consiglio Comunale è il luogo
pubblico istituzionale dove dibattere tra maggioranza ed opposizione i vari argomenti portati all’ordine del giorno nel
rispetto dei rispettivi ruoli. Ma per fare ciò è necessario che la minoranza sia messa in condizione di poter svolgere il
proprio compito mediante la condivisione preventiva di TUTTI I DOCUMENTI utili ad un dibattito democratico.
3) In merito alla presunta mancanza di comunicazione del PS e di tutti i documenti allegati alla Regione anche tale
circostanza è non veritiera in quanto, nel rispetto della normativa vigente, ben 20 giorni prima della pubblicazione del
PS e degli allegati sull’Albo Pretorio del Comune, gli stessi sono stati inviati via Posta Elettronica Certificata agli Uffici
Regionali. Pertanto i medesimi avevano ed hanno a disposizione TUTTA LA DOCUMENTAZIONE necessaria in formato
elettronico in maniera da svolgere qualsiasi osservazione e rilievo ritenevano opportuno. Inoltre la lettera della Regione con
protocollo 0011275, citata nel comunicato, porta la data del 22 Luglio, data successiva sia alla convocazione del Consiglio
Comunale, sia alla data di scadenza del termine per presentare osservazioni.
4) In merito ai risparmi di risorse pubbliche a cui fa cenno la maggioranza si evidenzia che uno dei motivi che ha spinto
l’amministrazione Segnini a perseguire la strada dell’Ufficio di Piano è stato proprio quello di contenere al massimo la spesa
per la redazione del PS visto che tutte le risorse finanziarie erano già state stanziate e messe a disposizione dell’Ufficio
medesimo, anche se giacevano dimenticate fin dal 2006.
Da ultimo si vuole sottolineare che, se la nuova amministrazione del tutto legittimamente ritiene il PS adottato infarcito
di errori formali e sostanziali e, soprattutto, ritiene lo stesso non condivisibile in merito agli obiettivi che contiene, ben
avrebbe fatto, nel rispetto delle NORME VIGENTI, ad abrogarlo, prendendosi le responsabilità che governare un territorio
comporta, e procedere con un nuovo Piano, evitando scorciatoie non previste dalla normativa urbanistica con il pericolo che,
dopo tutto questo ulteriore lavoro, il Piano Strutturale non possa entrare in vigore".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Marcella Merlini, candidata a sindaco di Portoferraio della lista "Bene Comune" spiega le due ragioni per cui non partecipa al confronto sul bilancio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Sport

Elezioni