QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 14°15° 
Domani 16°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 16 dicembre 2019

Cronaca giovedì 28 maggio 2015 ore 16:30

Perseguita la ex, gli trovano in casa una pistola

Arrestato dai Carabinieri uno stalker che da Perugia minacciava la sua ex, una ragazza residente all'Elba: in casa aveva una pistola clandestina



PORTOFERRAIO — I carabinieri della Stazione di Portoferraio, con accurate e quanto mai tempestive indagini, hanno messo nelle condizioni i colleghi umbri di arrestare un 49enne, residente nella provincia perugina, il quale, non accettando la decisione dell’ex fidanzata di interrompere la relazione, per diverso tempo l’ha vessata, minacciata ed insultata, per fortuna solo a mezzo del telefono.

La donna, che ora vive all’Elba, nonostante le minacce anche gravi patite, ha trovato la forza di rivolgersi agli uomini dell’Arma raccontando tutti gli episodi che era stata costretta a subire e mostrando le decine e decine di messaggi che quotidianamente le giungevano sul telefono cellulare da parte dell’uomo. 

Minacce e pressioni che andavano avanti già da più mesi, nonostante i ripetuti inviti fatti all’ex a desistere da tali atteggiamenti. I militari, dopo aver accertato la veridicità dei racconti della donna con riscontri di testimonianze di altre persone e verifiche tecniche, hanno richiesto ed ottenuto dall’Autorità Giudiziaria livornese la sottoposizione dello stalker al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna e di ogni contatto con essa, ma gli stessi uomini in uniforme di Portoferraio hanno chiesto ai colleghi umbri, di controllare con attenzione l’abitazione dell’uomo per accertare se alcune allusioni, più o meno velate, sulla propria pericolosità e sulle proprie intenzioni violente, fatte durante alcune delle minacce, fossero fondate o meno. 

Questa ulteriore attenzione ha permesso di rinvenire, occultata in un garage del denunciato, una pistola giocattolo calibro 8, priva del tappo rosso ed opportunamente modificata al fine di renderla efficace allo sparo (peraltro comprovato dal rinvenimento di diversi bossoli). Immediatamente il 49enne è stato arrestato e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Perugia in attesa del processo che lo vedrà imputato, a questo punto, oltre che per atti persecutori, anche per detenzione illecita di arma comune da sparo modificata e quindi clandestina.

L’uomo, al momento è agli arresti domiciliari.



Tag

'Ndrangheta in Valle d'Aosta, Fosson si dimette da presidente: «Totalmente estraneo ai fatti»

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Cronaca

Attualità