Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Attualità lunedì 09 settembre 2013 ore 07:35

Mufloni fra le colline dell'Isola, ne parla il giornalista Romano Bartoloni



ISOLA D'ELBA - Scrive alla stampa Romano Bartoloni, segnalando a massiccia presenza di mufloni sul territorio dell'isola e le sue perplessità sul tema.
"Cambio della guardia nei borghi collinari arrampicati attorno al monte Capanne. Partono i turisti con in testa e in cuore la nostalgia dei giorni elbani. E tornano loro con il favore del buio, incoraggiati dalle strade deserte e spinti dall’atavico istinto della sopravvivenza. Notti fa a Poggio, sono ridiscese le prime mandrie di mufloni, lasciando a testimonianza del loro passaggio ricordini ovunque sul selciato, mescolati con quelli dei cani. (E’ servito il caso della piccola marcianese non vedente, Laura; ad attirare l’attenzione degli amministratori fino ad allora sordi ai tanti appelli ricevuti anche da questo giornale per una campagna di prevenzione salva strade contro i padroni sporcaccioni). Purtroppo è provato che le cacchine dei mufloni sono altrettanto scivolose e pericolose per i passanti. Loro hanno pascolato indisturbati tra le ortensie depredando e deturpando il paese dei fiori. Prima di andarsene, hanno rovistato persino nei cestini dei rifiuti e si sono abbeverati alla fontana dell’acqua di Napoleone.
L’ultimo censimento ha segnalato la presenza di 2mila capi, nonostante sia stata condotta una “caccia di selezione” dal significato ambiguo, formalmente ispirata allo spirito di salvaguardia animalista e all’intento di esportarli il più possibile vivi in continente. Ormai nell’assalto agli orti e agli abitati stanno prevalendo come numeri e devastazioni sui più famelici cinghiali (uno quest’estate ha viaggiato tranquillo per le strade di Portoferraio), le cui potenziate operazioni di sterminio (circa 500 capi all’anno) ne stanno riducendo la popolazione. Niente pietà verso carni più pregiate di quelle dei mufloni che non incontrano il gusto dei palati. La proliferazione degli ungulati con le corna pare così inarrestabile.
Poggio costruito su una roccaforte ha resistito per secoli agli assalti e ai saccheggi dei pirati. Possibile che resti indifesa dalle incursioni dei mufloni? Comuni e Parco dell’arcipelago hanno esperienza e mezzi per tutelare i pogginchi, le loro case e i loro beni, nonché gli altri borghi collinari, e salvaguardare la tradizionale ospitalità elbana. Se non si intende decimare la specie per non sporcarsi le mani e le coscienze, delle due l’una: o si circondi il paese di recinzioni elettriche a basso voltaggio e a pannelli solari come per i pascoli delle mucche negli altopiani del continente, oppure si realizzino bioparchi vigilati di sicura attrazione turistica".
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per evitare l'attesa due pazienti sono stati trasferiti contemporaneamente all'ospedale di Livorno con l'elisoccorso intorno alle 19,30
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO