Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:19 METEO:PORTOFERRAIO24°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 08 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, Calenda: «Non intendo andare avanti in questa alleanza con il Pd»

Attualità venerdì 23 dicembre 2016 ore 10:25

Rubano anche i muretti a secco

Testimonianze raccolte da Legambiente raccontano di un mercato nero dei materiali edili: "No al mercato nero della nostra cultura contadina"



MARCIANA — Nella zona della Tezzia, nella piana sovrastata dalla chiesa romanica di San Lorenzo, al confine dei comuni di Marciana Marina e Marciana e del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano sta avvenendo qualcosa di molto particolare: qualcuno sta letteralmente rubando i muri a secco realizzati dagli agricoltori nelle decadi passate.

"Si tratta di strutture importanti anche come sistema di difesa idrogeologico - commenta Legambiente che ha raccolto la segnalazione - tanto più in un’area caratterizzata dalla presenza di antichi mulini e che ha un fortissimo valore storico-culturale".

"Inoltre il furto di muretti a secco ha un fortissimo impatto anche sulla biodiversità, visto che queste antiche strutture ospitano una delicata comunità animale, fatta di rettili, insetti, aracnidi e molluschi e che è frequentata da mammiferi e uccelli. Un danno che si aggiunge a quelli prodotti dai cinghiali, che almeno si limitano a demolire parti dei muretti e non rubano le pietre per portarle altrove e guadagnarci sopra".

I ladri di pietre non si limitano ai muretti a secco a quanto pare ma, nella stessa area, sono stati smantellati anche dei ruderi.

"Si tratta di furti destinati al settore edile e dei giardini - denunciano gli ambientalisti - e sono evidentemente commessi da chi non conosce la storia e la natura dell’Elba e non se ne cura. Un fenomeno che probabilmente non si limita solo alla Tezzia e del quale siamo venuti a conoscenza grazie alle segnalazioni di escursionisti e cittadini preoccupati.

Un furto insensato e da fermare subito, prima che il fenomeno si estenda e che vengano distrutte queste umili ma importantissima testimonianze della storia della fatica umana che ha modellato il territorio, l’agricoltura e l’ambiente dell’Isola d’Elba".

Legambiente chiede a chi è a conoscenza di episodi simili di denunciarli immediatamente e a chi si appronta a commissionare dei lavori a stare attento a che tipo di materiali vengono utilizzati, per non contribuire a foraggiare questo "mercato nero" della nostra storia e della nostra cultura contadina.  


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il maltempo è previsto anche su costa e isole toscane settentrionali. Saranno possibili anche colpi di vento e grandinate
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità