Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:40 METEO:PORTOFERRAIO11°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, sparatoria in una scuola a Kazan: gli spari e gli studenti in fuga dalla finestre

Attualità martedì 04 maggio 2021 ore 14:00

Allarme per gli alberi di tasso del monte Capanne

I tassi delle Calanche

A lanciare l'allarme è Legambiente:"Rischiamo di perdere un patrimonio rarissimo. Occorre un controllo di esperti per valutarne lo stato".



MARCIANA — "Dopo l’escursione del 25 Aprile alla Nivera, con la bella conferma/scoperta di una popolazione in salute di tassi (Taxus baccata) rifugiatasi nella vallata più fresca dell’Elba, Andrea Tozzi, del Direttivo di Legambiente Arcipelago Toscano, è voluto andare a verificare la salute di alcuni suoi vecchissimi amici: gli antichissimi tassi della Calanche, e quello che ha scoperto potrebbe essere una bruttissima notizia".

Si apre così una nota di Legambiente Arcipelago Toscano che lancia l'allarme sui vetusti tassi del monte Capanne.

"Andrea, - prosegue Legambiente - che il primo maggio si è arrampicato sulle creste delle Calanche (lato Perone) alla ricerca dei tassi vetusti racconta: 'Del tasso delle Calanche più grande, un esemplare antichissimo e quasi unico in Italia, sembra viva solo una piccola branca laterale, tutti gli altri vecchi tassi della zona più alta sembrano seccati. Non sono arrivato sotto le Calanche lato Capanne (Nivera alta) perché pioveva. Può darsi che da quella parte qualcuno si sia salvato'".

"Una scoperta preoccupante, - commentano da Legambiente - forse dovuta al riscaldamento globale che sta risalendo velocemente le pendici del Massiccio del Capanne, che riguarda piante antichissime, di grande valore naturalistico, storico e culturale, sulla quale sarebbe bene che indagassero degli esperti, sia per capire se questi antichi patriarchi delle nostre montagne possono ancora essere salvati e curati e come impedire che questi alberi, che erano l’antica foresta primigenia che ricopriva l’Isola d’Elba, scompaiano, scacciati anche dai loro ultimi rifugi, dai cambiamenti climatici provocati dalle attività umane".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità