Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:20 METEO:PORTOFERRAIO12°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 28 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trapani allagata, l'acqua impetuosa sotto il ponte a Castelvetrano

Lavoro sabato 26 agosto 2023 ore 07:32

Scuola, "stipendi arretrati e in ritardo"

Foto di archivio

Allarme lanciato dalla segreteria della Flc-Cgil che riguarda centinaia di lavoratori in tutta la provincia di Livorno



PROVINCIA DI LIVORNO — "Il Ministero dell’economia e delle finanze non ha ancora dato il via libera né al pagamento degli ultimi due stipendi e del Tfr del personale scolastico precario che ha effettuato supplenze brevi, né a quello relativo alle cosiddette attività aggiuntive. Tutto ciò è inaccettabile, in tutta la provincia di Livorno sono centinaia le persone che stanno attendendo queste risorse. Serve una svolta: chiediamo a gran voce che il MEF sblocchi i fondi già stanziati dal Ministero dell’Istruzione".

Lo scrive in una nota Veronica Virgili, segretaria generale FLC-CGIL provincia di Livorno.

"A quanto ci risulta i precari (sia docenti che personale Ata) che nel corso dell’ultimo anno scolastico hanno effettuato supplenze brevi devono ancora riscuotere gli stipendi di maggio e giugno. - prosegue Vigili- “Oltre ad essere precari, ci pagano pure in ritardo: è un’ingiustizia” è il ritornello che abbiamo sentito più volte in queste settimane da una ventina di persone che si sono rivolte ai nostri uffici.
Nelle nostre sedi si sono rivolte inoltre una cinquantina di precari (docenti e Ata) per lamentare il non ancora avvenuto pagamento del Tfr, che normalmente dovrebbe avvenire a fine luglio".

"I ritardi del MEF riguardano anche i pagamenti per le cosiddette attività aggiuntive (riunioni per programmazione, progettazione, ricerca, valutazione, aggiornamento, formazione, ecc) eseguite dal personale scolastico (sia di ruolo che precario) nel corso dell’anno 2022-2023. - prosegue - Il pagamento di tali attività avviene generalmente a luglio: al momento però tali risorse non sono state ancora sbloccate". 

"Tutto ciò ha ripercussioni negative su centinaia di lavoratori in tutta la provincia. - evidenzia Virgili -  Si stima infatti che circa la metà del personale abbia preso parte ad attività aggiuntive. In ballo ci sono somme importanti: a fine anno scolastico, a seconda delle attività svolte, si può infatti arrivare a guadagnare anche una mensilità di stipendio in più".


"Le lavoratrici e i lavoratori del mondo della scuola devono essere rispettati. Questi ritardi da parte del MEF sono inaccettabili. Il mondo della scuola continua ad avere molti problemi, al di là di quanto dichiara entusiasticamente il ministro Giuseppe Valditara", conclude Virgili.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Giornata di allerta arancione su costa e isole e nuovi disagi nei collegamenti marittimi fra Elba e Piombino
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità