Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO17°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Attualità lunedì 23 agosto 2021 ore 18:00

Niente Green Pass per accedere a visite ed esami

Foto di repertorio

La precedente comunicazione aveva destato preoccupazione fra gli utenti non ancora vaccinati per varie motivi. Le precisazioni dell'Asl nord ovest



LIVORNO — L’obbligo di certificazione verde ovvero il Green Pass per l’ingresso nelle strutture sanitarie riguarda esclusivamente visitatori e accompagnatori, mentre non viene applicata all’utente che acceda per qualsiasi prestazione (ricovero, visita, esame ecc).

Lo ha precisato l'Asl Toscana nord ovest in una nota per fare chiarezza sulle nuove disposizioni per contrastare la diffusione del Covid-19.

Come spiegano dall'Asl, il personale addetto alle postazioni di pre-triage di pronto soccorso e al check-point posizionato all’ingresso delle strutture, ad integrazione dei controlli già in essere (temperatura, igiene delle mani e motivo dell'accesso) è quindi tenuto a richiedere a visitatori e accompagnatori il possesso della certificazione verde Covid‐19 e l’esibizione di un documento di identità che possa accertare l’effettiva titolarità del permesso.

"Si tratta di una misura che applica le disposizioni nazionali in tema di limitazione della diffusione del contagio da coronavirus a tutela della salute collettiva e in particolare dei malati e dei luoghi sensibili come le strutture sanitarie. - proseguono dall'Asl - Ricordiamo che il rilascio della certificazione verde avviene alle seguenti condizioni:- dopo la somministrazione della prima dose di vaccino (validità dal 15esimo giorno e per 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale) - dopo la guarigione dall'infezione da Covid19 (validità 6 mesi)- dopo l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo (validità 48 ore)".

Infine dall'Asl fanno sapere che la visita ai ricoverati  nelle strutture il familiare deve essere autorizzato dal direttore o coordinatore della struttura. Ogni paziente ricoverato può ricevere un solo visitatore per ciascun turno di visita durante le consuete fasce orarie di accesso (indicativamente 12,30-13,30 e 18,30-19,30), con accesso di un solo visitatore alla volta per stanza di degenza per non più di 15 minuti secondo le indicazioni della struttura.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il noto calciatore, già bomber della Roma e nella Nazionale italiana, riprenderà a giocare con la squadra elbana aderente alla Conifa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità