Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:53 METEO:PORTOFERRAIO15°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo saluto a Luana, morta sul lavoro a 22 anni: applausi, palloncini e forte commozione

Attualità martedì 20 dicembre 2016 ore 10:39

Itria e Riccardo sposi in ospedale

Itria Manca e Riccardo Aliperti hanno celebrato la loro unione nella stanza dove la donna è ricoverata a causa della sua malattia



LIVORNO — Itria e Riccardo non si arrendono e alla malattia rispondono con un sorriso e una promessa d'amore. Lo hanno fatto ieri celebrando la loro unione nella stanza dell'ospedale livornese dove la donna è ricoverata e presto replicheranno la cerimonia ufficiale agli effetti del rito civile con amici e parenti quando, presto, Itria verrà dimessa e potrà tornare a casa.

Itria Manca e Riccardo Aliperti si conoscono da 11 anni di cui 5 segnati dalla malattia di Itria, un tumore alle ossa che la perseguita da anni e contro cui la donna lotta pervicacemente, sostenuta e spronata dal neo marito e dalla sorella Giulia.

Fu proprio Giulia Manca, titolare dell'unico albergo aperto a Pianosa, a diffondere, un anno fa, un appello per la sorella che dette il via a una catena di solidarietà alla quale aderirono tantissimi elbani che conoscevano l'impegno di Itria per la cura e il ristoro degli animali.

Itria infatti decise di seguire una cura non convenzionale, affidandosi a una clinica tedesca, una cura tuttavia molto costosa e proprio per far fronte alle spese necessarie per i medicinali Giulia diffuse un appello tramite la propria pagina Facebook.

Per Itria si mossero diverse associazioni del territorio, una fra tutte Animal Project, con le volontarie Simona, Laura, Rossana, Chiara, Dania, Rita, Francesca, Lisa che fecero partire una campagna di raccolta fondi capillare sull'isola. Le cure arrivarono e Itria riuscì a comperare la prima dose del trattamento.

Giulia ha voluto quindi diffondere i seguenti ringraziamenti: "Io vi volevo ringraziare tutti, come ho già detto se non lasciate il nome non riesco a vedere chi ci ha aiutato, comunque sia vi abbraccio tutti avete fatto un grande atto d'amore, state contribuendo a salvare la vita di mia sorella".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS