Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:15 METEO:PORTOFERRAIO23°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 23 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nicola Tanturli, il momento in cui il bimbo viene portato in salvo dai carabinieri

Attualità mercoledì 17 giugno 2015 ore 18:41

Legambiente: "Tornare ai Punti Blu originari"

​Punti Blu, per Legambiente: "Bene l’impugnazione della sentenza del TAR, ma ora basta con la privatizzazione delle spiagge elbane"



PORTOFERRAIO — "Fa bene il Comune di Portoferraio ad appellarsi contro la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale a favore della possibilità del subingresso nei cosiddetti “ Punti Blu”, attività che dovrebbero noleggiare sdraio ed ombrelloni in cambio di un minimo di sorveglianza e che invece troppo spesso si trasformano in una nuova occupazione delle spiagge, riducendo ancora di più l’area non a pagamento per i bagnanti e provocando una privatizzazione strisciante di un bene comune.

Come sottolinea l’Amministrazione Comunale di Portoferraio, "è bene ricordare che i Punti Blu furono assegnati nel 2006 con carattere di provvisorietà, potendo essere non rinnovate qualora fossero incompatibili con i piani spiaggia adottati dall’Ente, piani spiaggia che questa Amministrazione intende finalmente adottare entro la stagione 2016".

"Siccome in Italia, e soprattutto all’Isola d’Elba, niente è più eterno del provvisorio, i Punti Blu si sono trasformati col tempo in un diritto acquisito che troppo spesso ha provocato un’occupazione indebita di tratti di spiaggia, come dimostrano le proteste di cittadini e turisti e le multe inflitte ogni anno dalla Capitaneria di Porto – dice Umberto Mazzantini, responsabile mare di Legambiente Toscana - ed ora con la sentenza del TAR in una merce che può essere venduta. A questo si aggiunge purtroppo il pervicace tentativo di qualche comune di realizzare, con la scusa della sicurezza, Punti Blu anche nelle spiagge più isolate e selvagge, comprese nel Parco Nazionale e nelle Zone speciali di conservazione dell’Unione europea, dove a memoria d’uomo non si ha notizia di annegamenti o richieste di aiuto per persone in pericolo".

L’esponente del Direttivo nazionale del Cigno Verde conclude: "Invitiamo tutte le amministrazioni comunali a tornare al concetto originale, anche se non condiviso da Legambiente, di “Punto Blu” e a realizzare non piani spiagge comunali, ma un piano comprensoriale, magari basandosi su quelli preparati dalla Comunità montana fatti sparire o sul quello del Parco Nazionale ignorato senza risposta alcuna, che garantisca spiaggia per spiaggia la superficie minima di area davvero libera ed eviti con i fatti e il rispetto delle norme l’occupazione legale ed impropria, autorizzata o strisciante, che avviene in troppe spiagge e coste della nostra isola". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
"Sequenza numerica utilizzata come simbolo di odio verso le forze dell’ordine". Individuati grazie alla videosorveglianza gli autori del gesto.
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni