Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO17°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Attualità lunedì 07 giugno 2021 ore 15:00

La Rocca pisana diventa proprietà del Giglio

Siglato a Roma il trasferimento fra l'Agenzia del Demanio e l'amministrazione comunale di Isola del Giglio. Obiettivo valorizzare il monumento



ISOLA DEL GIGLIO — Il Comune di Isola del Giglio è da oggi ufficialmente proprietario della Rocca Pisana. L’Agenzia del Demanio e l’amministrazione comunale di Isola del Giglio hanno infatti siglato l’atto di trasferimento del bene monumentale, dopo un lungo iter terminato con la sottoscrizione dell’accordo di valorizzazione, avvenuta lo scorso 9 Aprile. 

“Il passaggio della struttura fortificata, risalente al periodo aldobrandesco, – afferma il sindaco di Isola del Giglio Sergio Ortelli - avviene a titolo gratuito e rientra nel cosiddetto federalismo demaniale per i comuni che si impegnano a valorizzare il bene. Ed il Comune del Giglio è tra questi”.

Il sindaco Sergio Ortelli e i responsabili dell'Agenzia del Demanio

Per quanto riguarda la Rocca Pisana l’amministrazione propone il potenziamento dell’offerta culturale e della fruizione pubblica del bene, creando spazi museali dedicati all’esposizione di reperti archeologici, con la collaborazione della Soprintendenza Archeologica, al tema geologico e mineralogico, con il contributo di esperti legati all’isola, alla ricchezza della biodiversità, sia terrestre sia marina, in collaborazione con il Parco dell'Arcipelago, alla creazione di spazi da destinare a laboratori, seminari, presentazione di eventi e al ricordo delle vicende più significative che hanno coinvolto l’Isola come ad esempio il naufragio della Costa Concordia.

“Per il nostro Comune – dice soddisfatto il sindaco - l’accordo è il culmine di anni di lavoro, interrotto nel periodo dell’emergenza della Costa Concordia, sviluppato attraverso un tavolo operativo che ha coinvolto tutte le istituzioni firmatarie e che hanno condiviso il programma di valorizzazione. Considero questo risultato un passaggio epocale che renderà non solo fruibile il complesso monumentale, come sito museale e con spazi dedicati a numerosi reperti archeologici dell’isola del Giglio, oggi custoditi o in altri musei o nei magazzini della soprintendenza".

"Infine, - conclude Ortelli - ho il dovere infine di ringraziare chi ha contribuito all’esito finale ovvero il Parco Arcipelago, il Segretariato Regionale per i Beni culturali, la Soprintendenza di Siena e l’Agenzia del Demanio cofirmatario dell’atto di oggi”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il noto calciatore, già bomber della Roma e nella Nazionale italiana, riprenderà a giocare con la squadra elbana aderente alla Conifa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità