Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:22 METEO:PORTOFERRAIO24°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 30 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, nuovo blocco del Gra. Per fermare il taxi l'attivista salta sul cofano: «Scendi o ti sfondo»

Lavoro martedì 22 marzo 2022 ore 15:24

Opportunità di lavoro per i profughi ucraini

Foto di repertorio

Si tratta di attività nel turismo. L'associazione Albergatori elbani nei giorni scorsi ha inviato una lettera a Prefettura e Questura



ISOLA D'ELBA — Da due anni all'isola d'Elba c'è carenza di personale nel settore turistico e alberghiero e sono varie le figure ricercate, dai camerieri ai bagnini ma anche ragionieri.

Lo ha sottolineato Massimo De Ferrari, presidente dell'associazione Albergatori elbani.

Dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina, come ha spiegato De Ferrari a QUInews Elba, "abbiamo inviato una lettera alla Prefettura di Livorno per offrire la disponibilità di lavoro sull'isola a chi è in fuga dalla guerra. Si tratta prevalentemente di donne spesso con i figli perciò è necessario farsi carico anche dell'assistenza ai bambini".

Come spiegato dal direttore dell'associazione Albergatori, Cristiana Guerrini, "la lettera è stata inviata alla Prefettura, alla Questura e per conoscenza al sindaco di Portoferraio perché prevalentemente l'offerta di lavoro è rivolta a chi ha già magari trovato un alloggio sull'isola. Alcuni albergatori hanno dato anche la disponibilità per offrire l'alloggio ma i posti disponibili sono veramente pochi".

Al momento però dalle istituzioni non c'è stata nessuna risposta alla comunicazione inviata dall'associazione Albergatori elbani.

L'associazione ha inoltre preso contatti con alcuni sindaci in modo che se si presentassero delle madri con bambini agli stessi possa essere garantito di frequentare la scuola e nel periodo estivo i campi solari.

Su questi i sindaci interpellati avrebbero dato la loro disponibilità.

Si tratta però di un percorso che deve coinvolgere le varie istituzioni per cui l'associazione Albergatori elbani ha dato la disponibilità in questo senso, anche perché chi viene in Italia deve seguire una serie di procedure che accompagnino il suo percorso, gli garantiscano dei diritti e gli consentano in seguito di poter tornare nel suo territorio di origine.

Valentina Caffieri
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Viabilità rallentata in ingresso a Portoferraio complici il maltempo con molte auto in giro e un cantiere di Asa per riparare un guasto non urgente
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Spettacoli

Attualità