Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:29 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia-Ucraina, secondo anniversario della guerra: la manifestazione dei parenti dei prigionieri di guerra a Kiev

Attualità martedì 11 aprile 2023 ore 12:25

La grandine danneggia i germogli dei vigneti

Foto di archivio

Il maltempo della sera dell'8 Aprile ha compromesso i vigneti e strappato i germogli gettandoli a terra. L'allarme di Coldiretti



ISOLA D'ELBA — I verdi germogli dei vigneti eroici strappati dalle viti da chicchi di grandine grossi come noccioline: è questa la desolante immagine che resterà ai viticoltori elbani del ponte pasquale. 

E’ Guido Allori, presidente della sezione elbana di Coldiretti e viticoltore, a documentarlo in un video girato con il cellulare.

Nel video, il giorno dopo la calamità, si vedono chiaramente i rami della vite danneggiati ed i germogli a terra. La violenta grandinata, che ha interessato l’Isola d’Elba nella serata di sabato 8 Aprile, si è abbattuto sull’area che va tra Lacona a Mola: un territorio vocato alla produzione dei due pregiati Doc isolani come l’Ansonica e l’Aleatico. 

A fornire un primo bilancio degli effetti della violenta grandinate di sabato sull’isola e su parte della regione, è Coldiretti Livorno.

“Non appena riprenderà il normale ciclo vegetativo delle viti avremo un quadro reale e più completo dei danni prodotti dalla grandinata. – spiega Simone Ferri Graziani, Presidente Coldiretti Livorno – Ci vorranno dieci-quindici giorni per capire la reale entità della calamità sulla prossima vendemmia”.


Il brusco abbassamento della colonnina di mercurio negli scorsi giorni in molte zone della regione è arrivato dopo un inverno insolitamente caldo, con temperature superiori di 1,2 gradi alla media storica che aveva innescato il risveglio anticipato della vegetazione di piante ed alberi da frutto. L’Isola d’Elba non fa eccezione: a Marzo la temperatura media è stata di 12,7 gradi, superiore di 1,5 gradi rispetto alla media storica del trentennio 1991-2020, come spiegano da Coldiretti.

Anche dove gli agricoltori hanno affrontato i costi dell’assicurazione il danno rimane comunque pesante per la presenza di franchigie attorno al 30%. Una vera e propria calamità che colpisce le colture già stressate dalla siccità della scorsa estate: uno scenario che si preannuncia complicato anche nei prossimi mesi con un livello di criticità tra il severo per la parte Ovest e moderato per la parte Est che si affaccia sulla Toscana.

"I raccolti – spiegano da Coldiretti Livorno – sono sempre più esposti alle conseguenze dei cambiamenti climatici che nell’ultimo anno hanno causato danni e messo a rischio la sopravvivenza delle imprese agricole. L’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – conclude Coldiretti Livorno – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno