Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PORTOFERRAIO10°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 22 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Con le pistole in pugno rubano tutte le borse del negozio di Gucci a Manhattan

DISSALATORE venerdì 11 febbraio 2022 ore 10:10

Dissalatore, è necessario riparlarne

Senza un nuovo confronto la discussione sull'acqua rischia di assumere i contorni di una storia di manifesta ignoranza e di incompetenza nel dettaglio



ISOLA D'ELBA — Posizioni nettamente contrarie dei comitati locali e del Comune di Capoliveri, posizioni nettamente favorevoli di chi ha autorizzato l’impianto e di chi dovrà costruirlo e posizioni “interlocutorie” da parte delle istituzioni locali e della politica. Certo è che se le istituzioni non prendono posizioni chiare, la questione idrica dell’Elba rischia di non essere risolta e compromettere lo sviluppo socioeconomico dell'isola.

QUInews ha chiesto ai sindaci di esprimersi, nessuno di loro ha risposto con un no od un si al dissalatore ma tutti hanno concordato che “la questione idrica attiene l’intera isola e non solo Capoliveri” e che pertanto è necessario “riaprire un tavolo di confronto con la Regione”. Due affermazioni che, registriamo da cronisti, segnano punti a favore del Comitato di difesa di Lido e Mola e punti a sfavore dell’Autorità Idrica Toscana che aveva affermato “Sull’Isola d’Elba ci sono circa 30mila abitanti. I contrari al dissalatore sostengono di essere circa 300 persone, che equivalgono all’1% della popolazione elbana.”

Quindi bene che si riparli della questione. Che si discuta sulla base di dati certi ed inconfutabili, che si sostengano tesi avallate da persone competenti che conoscono la realtà dell’isola e non da improvvisati esperti, favorevoli o contrari all’impianto, che hanno dimostrato di essere incompetenti fino nei dettagli.

Che le categorie economiche, in particolare gli operatori turistici, si esprimano sulla questione in maniera chiara e facciano le loro eventuali proposte per la gestione delle risorse idriche ed energetiche dell'isola. 

Che la popolazione sia informata, affinchè esca dall’indifferenza dovuta ad una legittima e naturale manifesta ignoranza su pregi e difetti della dissalazione e sulle risorse idriche della propria isola. Che Autorità Idrica Toscana spieghi di nuovo le ragioni della scelta rendendo pubblici “dati ed informazioni certe e provate da accademici di chiara fama e seri professionisti, tutti svincolati da interessi di qualsiasi natura rispetto all’Elba”.

Che ASA spieghi modalità e tempi per “intervenire per il ripristino delle reti contro le perdite” ed evitare di buttare via il 46% dell’acqua, circa 2,3 milioni di metri cubi (dati 2021, fonte Osservatorio isole sostenibili a cura di Legambiente e Cnr) equivalenti più o meno a quelli che dovrebbe produrre il nuovo dissalatore di Mola.

"Che si dia ascolto alle diverse posizioni - come dichiara il Comitato di difesa di Lido e Mola - per trovare una linea di azione sul progetto del dissalatore, condivisa dalla popolazione elbana, auspicando quindi l’apertura di un tavolo con la Regione Toscana dove si possa affrontare il tema in virtù di quella tanto acclamata partecipazione democratica ed attiva dei cittadini nei percorsi di governo del territorio."


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La giovane ballerina elbana formatasi nel gruppo di Danzamania, si esibirà sul palcoscenico dei più importanti teatri italiani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica