Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO11°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Attualità mercoledì 29 aprile 2015 ore 10:59

Insegnanti "a lutto" per la scuola elbana

Un gruppo di insegnanti delle scuole elbane ha realizzato ieri un flash mob sul molo Elba a Portoferraio tenuta a lutto per lo stato della scuola



PORTOFERRAIO — Una "buona scuola" o una scuola morente? E' a questa domanda che alcuni insegnanti elbani hanno voluto rispondere nella maniera più plateale possibile vestendosi a lutto e raccogliendosi al molo Elba di Portoferraio. Per dire che la scuola italiana, e elbana, non sta bene e se ha ancora un filo di vita è grazie alla passione e al duro lavori di chi ogni giorno fa il proprio mestiere nelle condizioni più difficili.

Una lettera è stata distribuita per accompagnare, e spiegare, l'iniziativa:

"Cari Amministratori, mi chiamo Scuola Pubblica e voglio raccontarvi la mia fine. Mi trovo in uno Stato, quello italiano, che non mi ama, anzi mi disprezza al punto tale che ha convinto tutti a fare lo stesso. Peccato che all’estero sono stata di esempio a tutti!

Dicono che i miei Docenti fanno troppe vacanze, ma non dicono che fanno più giorni di didattica di tutti gli altri paesi europei (più di 200) e non dicono che le “vacanze” (che si chiamano ferie in realtà) le fanno tutti, solo non tutte insieme in estate come da noi!

Non dicono che gli stipendi dei miei docenti sono i più bassi di tutti gli altri docenti d’Europa e dicono che le scuole in Europa sono aperte anche d’estate e che fanno campi estivi. Non dicono però che sono chiuse molto spesso in inverno per le famose “vacanze” e non dicono che i campi estivi sono tenuti da altre persone, non dai docenti che sono in ferie. Ora sarò io a raccontarvi qualcosa un signore di nome Renzi e i suoi "amici" hanno deciso di cambiare tutto!

Hanno deciso che ci sarà una sola persona, il Preside/Padrone a decidere tutto. Tutto cosa? Beh per esempio chi saranno i Professori e i Maestri. E come lo farà? Dicono "leggendo i curricola e scegliendo i più bravi". Bene direte voi…. Male dico IO. E sapete perché? Se anche veramente scegliessero i più bravi di tutti (e non la sorella, l’amico, il parente) succederà una cosa molto brutta: ci saranno le scuole di SERIE ”A“ e quelle di SERIE “B”.

A me non piace così, ora tutti stiamo insieme, ci aiutiamo per diventare migliori, ORA CONDIVIDIAMO, COLLABORIAMO e tra noi non c’è COMPETIZIONE. E i bambini con difficoltà? Molti continueranno a NON avere personale specializzato e a non avere continuità didattica, perchè, nonostante le recenti immissioni in ruolo, ci sono ancora dei posti VUOTI sul sostegno, e il Governo NON ha intenzione di assumere docenti laureati e specializzati sul sostegno, bensì docenti abilitati in altre classi di concorso, per ovviare ai pasticci e agli errori normativi anche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni.

A chi importa tutto questo?A ME SCUOLA PUBBLICA SI! A ME IMPORTA! Io Sono come una MAMMA! Non ho figli di serie A e di serie B io! IO AIUTO, ACCOLGO, CRESCO ED EDUCO TUTTI! Perché sono IL MIO FUTURO. IL FUTURO DEL MIO PAESE, LIBERO E DEMOCRATICO! Noi insegnanti diciamo NO AL DISEGNO DI LEGGE “LA BUONA SCUOLA” DICIAMO UN SECCO NO ALLA SCUOLA DELLA DISUGUAGLIANZA! 

Come cittadini e lavorarori al servizio dei bambini del nostro paese, chiediamo un gesto di solidarietà da voi amministratori, con un minuto di silenzio e la lettura di questa lettera alle ore 18:30, orario in cui gli insegnanti di tutta l'Elba si mobiliteranno per dare un segno di disapprovazione nei confronti del disegno di legge."


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono passati 20 anni da quell'intervento che ha unito per sempre due cugini e che ha salvato la vita ad uno di loro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Politica

Politica

Attualità