Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:50 METEO:PORTOFERRAIO17°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 01 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
La drammatica battaglia per l'acciaieria Azovstal di Mariupol vista con gli occhi del soldato-cameraman: le immagini

Attualità sabato 11 agosto 2018 ore 13:57

​In mostra la “Terra Incognita” di Panvini

La fotografa elbana Barbara Panvini

Pianeti e universi in miniatura. Dopo Parigi arriva da lunedì al circolo Le Macinelle di San Piero la personale della fotografa elbana



CAMPO NELL'ELBA — Un viaggio in quelle terre incognite sperdute nel profondo di ognuno di noi. O sui binari della nostra suggestione. Pianeti fantastici, solcati da mari e laghi. Nebulose e ghiacciai. Immagini riflesse dal nostro intuito, dal nostro vissuto.

E’ l’universo di Barbara Panvini. Terre sconosciute, sconfinate come solo la mente può decriptare ma in realtà infinitesimali. Confinate, ristrette, su minuscole lastre di vetro sintesi di un processo del tutto originale che fonde pittura e macrofotografia. Acqua e inchiostro, scatti e mano d’artista.

Opere che sbarcano all’Elba direttamente da Parigi, dove Barbara, oggi terapeuta in psicosintesi, elbana di Marina di Campo, è approdata vent’anni fa dopo l’università. La mostra nella sala Don Milani del Circolo Culturale Le Macinelle di San Piero, dal 13 al 26 agosto (inaugurazione alle 21, tutti i giorni dalle 10 alle 24). E il titolo racchiude il senso del viaggio, introspettivo, sconosciuto, immaginario ed emozionale: Terra Incognita.

“Per secoli le Terrae Incognitae hanno racchiuso territori non ancora esplorati e conosciuti dall’uomo – spiega Barbara Panvini. Nell’immaginario abitate da popoli fantastici e misteriosi, che incutevano timore e diffidenza, al punto da essere rappresentate sulle cartine del tempo con creature spaventose come draghi, serpenti di mare, cinocefali, unicorni o manticore. Oggi le terre incognite non sono scomparse, sono solo altrove: nel fondo degli oceani, nella profondità della terra, nel cosmo, nell’infinitamente piccolo, e in noi stessi e nell’altro, nel diverso. E spesso, non é scomparsa neanche la paura che suscitano”.

E così prendono forma i pianeti di questa nuova corsa verso l’ignoto. “Inizialmente realizzate in maniera spontanea con acqua e inchiostri su una superficie di appena qualche centimetro – racconta Panvini - le creazioni sono poi lavorate e fotografate con obiettivi di macro fotografia e, stampate su carta da acquerello, e infine dipinte a mano per ritrovare la materia originaria. Sono dunque delle "micro-fanie": apparizioni minuscole di materia che celebrano il mistero e invitano lo sguardo a posarsi con meraviglia sull'inatteso incontrato in ogni nuova realtà e a vederlo contemporaneamente nel piccolo e nel grande, nel vicino e nel lontano, nel diverso e nello stesso”.

La mostra, voluta all’Elba da Alessandro Beneforti, arriva dopo la prima esposizione parigina di fine maggio a "Les Portes Ouvertes des Ateliers d’Artistes de Belleville”.Un omaggio a un’altra terra, quella delle origini, capace di traghettare l’artista verso quelle terre sconosciute che solo chi ha ben presente da dove viene riesce a esplorare nel profondo dell’incognito.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha emesso un nuovo codice giallo per il proseguire di temporali forti su parte della costa toscana e isole
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

DISSALATORE

Attualità

Cronaca

Attualità