Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:25 METEO:PORTOFERRAIO12°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 23 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ornella Vanoni: «A Draghi dedicherei ‘Domani è un altro giorno'» e canta in diretta tv

Cronaca giovedì 09 aprile 2020 ore 11:26

Va a correre, multato il presidente del Parco

presidente parco nazionale arcipelago toscano
Giampiero Sammuri

Dopo aver fatto la campagna #Iorestoacasa, Sammuri spiega la sua versione in un post su Facebook e annuncia ricorso contro la multa



GROSSETO — Nella rete dei controlli sugli spostamenti per l'emergenza Covid è incappato anche Giampiero Sammuri, presidente del Parco nazionale Arcipelago toscano. E' stato lui stesso a rendere noto l'episodio che gli è accaduto il 7 Aprile scorso a Grosseto dove vive.

Sammuri infatti, proprio nel giorno del suo compleanno, ha raccontato in un post su Facebook di aver preso una multa perché era fuori casa a fare jogging.

Dopo aver ringraziato per gli auguri ricevuti in occasione del suo compleanno Sammuri scrive: "Sono andato a fare una delle mie sgambate qui intorno casa e sono stato fermato da due vigili urbani che mi hanno sanzionato (400 euro) perché secondo loro non ero 'in prossimità' della mia abitazione. (Misurato su Google Hearth ero a 440 metri...). Ho cercato di spiegare che per un’attività motoria 440 metri sono a mio giudizio in prossimità e che lo scopo dell’ordinanza del ministro della salute è quello di sfavorire assembramenti e che io vivendo in periferia rischiavo di incontrare molte più persone se mi trattenevo a 100 metri da casa, ma loro erano convinti del contrario". 

"Ironia della sorte: ho fatto la campagna #iorestoacasa, - spiega Sammuri - ho rinunciato ad andare a monitorare i falchi pescatori per dare il buon esempio, da un mese sono chiuso in casa uscendo ogni 2-3 giorni per fare una sgambata di un’oretta, girando come un criceto nella ruota nei pressi di casa mia, e oggi mi sono beccato il verbale perché ero a 440 metri da casa! Intendiamoci, chi mi conosce bene sa che ho un profondo rispetto delle norme e delle istituzioni". 

"Se l’ordinanza del ministro della salute avesse dato un termine preciso in metri, io l’avrei rispettato con tanto di Gps. - aggiunge Sammuri - Fossero stati 200, 300, 500 metri, sarei stato ben dentro, ma visto che non c’è pensavo si potesse andare a buon senso e, soprattutto, valutare la possibile prossimità con le persone, ma tant’è. Dopo aver esaminato centinaia di ricorsi nella mia carriera ed aver deciso quale accogliere e quale no, ora lo devo scrivere io. Vediamo il lato positivo, almeno so come si fanno...".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi contagi sono stati individuati nei Comuni di Rio e di Portoferraio. Nuovo appello a seguire le regole per evitare la diffusione del virus
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità