Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:09 METEO:PORTOFERRAIO12°14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 03 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiorello dirige la banda della polizia che suona l'Inno di Mameli: il video inedito girato durante le prove

Attualità sabato 27 giugno 2015 ore 17:38

Encomio solenne della Marina a Mario Castells

Il quasi centenario Castells, uno dei fondatori del Circolo Pertini, riceve dal comandante Casale l'encomio solenne della Marina militare



PORTOFERRAIO — Mario Castells ha nascosto i suoi 98 anni indossando la vecchia divisa da Marinaio del Dicat del 1943, ha poi salito due rampe di scale per arrivare alla sala consiliare alla Biscotteria, accompagnato dalla nipote Alice. 

Uno dei fondatori del circolo culturale Sandro Pertini dell'isola d'Elba, ha ricevuto così un encomio solenne da parte del Comune e dal comandante del porto Emilio Casale, in una semplice ma significativa cerimonia, presenti tre amministratori Adonella Anselmi, con fascia da sindaco per l'assenza di Mario Ferrari chiamato ad altri impegni istituzionali, Riccardo Nurra capogruppo di maggioranza e Adalberto Bertucci assessore alla viabilità. 

Presente anche il comandante del porto Emilio Casale e il suo vice Alessio Loffredo, rappresentanti del circolo Pertini, quindi le guardie comunali, l'Associazione marinai in congedo guidata dal presidente Nicola Plantamura, e alcuni parenti di Castells tra cui il noto pittore Luciano Regoli e l'amico Raoul Daniello, premio città di Portoferraio nel 2012. 

L'encomio doveva essere consegnato il 10 di giugno all'anziano, quando fu inaugurato un cippo granitico nell'area portuale dedicato alla memoria di due antifascisti, il comandante del porto del 1943 Giuseppe Massimo e del suo segretario Rodolfo Vona. Una iniziativa suscitata proprio dal Castells, sostenuta e gestita dal Comune e dalla capitaneria di porto, ma il giorno della cerimonia l'anziano marinaio non poté partecipare. 

La pergamena consegnata ricorda come il portoferraiese si prodigò, dopo il terribile bombardamento della città del 16 settembre 1943, per salvare vite umane e poi il marinaio condivise con il comandante Massimo un rifugio anti nazifascisti nella zona di Nisporto. Purtroppo il comandante fu poi catturato dalle SS, deportato e ucciso. 

Il comandante Casale ha consegnato il Crest della capitaneria di porto e Plantamura un altro attestato di benemerenza. L'assessore Bertucci ha voluto anche ricordare come il protagonista dell'incontro, all'età di 83 anni conquistò un record ancora imbattuto, quello della circumnavigazione dell'isola in canoa, senza soste, in 12 ore.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità