Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:27 METEO:PORTOFERRAIO13°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Cronaca lunedì 30 giugno 2014 ore 15:05

Due natanti chiedono soccorso, interviene la Capitaneria

Il 1530 per il soccorso in mare



PORTOFERRAIO — Guardia Costiera al lavoro domenica per più di un intervento all'isola d'Elba.

Il forte vento proveniente da sud ha messo in difficoltà numerosi natanti. 

Domenica 29 giugno tramite il canale radio di emergenza VHF 16, è pervenuta la segnalazione da parte dell’imbarcazione da diporto “Bomar”, situata a circa 1 miglio a nord della spiaggia delle Viste. 

Il proprietario comunicava di trovarsi con i motori in avaria. Immediatamente è stato disposto l’intervento della dipendente vedetta CP892. 

Il personale della Capitaneria, prontamente arrivato sul posto, prestava una prima assistenza all’unità in difficoltà trainandola all’interno della rada di Portoferraio. 

Nel frattempo dalla Sala Operativa della Capitaneria è stato coordinato l’intervento da parte degli ormeggiatori locali i quali completavano il trasporto del natante verso i cantieri ESAOM. 

Successivamente, a metà mattinata, tramite il numero blu 1530, un’altra segnalazione riportava di un’imbarcazione da diporto denominata “Shika Kamata” che, sempre a causa del forte vento, aveva rotto gli ormeggi presso il campo boe di San Giovanni e stava andando alla deriva. 

Questa incontrava nel suo cammino una vicina imbarcazione a vela battente bandiera inglese, trascinandola con sé e creando una situazione di pericolo per il vicino transito dei traghetti di linea. 

Subito è stata disposta l’uscita della vedetta 892 per prestare una prima assistenza. Allo stesso tempo dalla sala operativa della Capitaneria è stato coordinato l’intervento degli ormeggiatori locali i quali procedevano a trainare l’unità “Shika Kamata” in un nuovo punto di ancoraggio nel campo boe di loro competenza. 

Allo stesso tempo la vedetta prestava assistenza all’imbarcazione a vela, ma avendo l’ancora bloccata il proprietario era costretto a lasciarla sul posto segnalandone la presenza per mezzo di una boa. 

Successivamente l’imbarcazione a vela dirigeva, debitamente assistita, presso la darsena Medicea dove infine ormeggiava al sicuro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A ricostruire la vicenda è il sindacato di polizia penitenziaria Sappe che torna a chiedere più mezzi e personale in servizio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica