Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:36 METEO:PORTOFERRAIO22°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Cronaca mercoledì 16 luglio 2014 ore 14:25

Dilaga il fenomeno "Vù Cumprà"

Venditori ambulanti in spiaggia - foto Fb

Landi "Un problema anche per l'economia dell'isola"



ISOLA D'ELBA — Torna l'estate e torna il "problema" "vu' compra'".

 La questione è antica: sulle spiagge di mezza Italia, Elba compresa, si riversano venditori ambulanti in grandissima parte non autorizzati, che commerciano abiti, occhiali, gioielli, giocattoli e oggetti di ogni foggia e colore, in barba a regolamenti e normative nazionali.

Il fenomeno sembra crescere in maniera esponenziale sull'isola e comunque, crea disagi agli utenti delle spiagge e non pochi grattacapi agli organi di sorveglianza, chiamati ad intervenire su chilometri di arenili in qualsiasi ora del giorno. Senza parlare dei danni al commercio e all'economia. Un problema difficile da controllare e, soprattutto arginare.

Intanto sui social network scoppia il caso. A sollevarlo è l'ex consigliere provinciale Marco Landi, titolare di alcuni negozi sull'isola che così commenta il fenomeno.

"Da anni si assiste alla vendita in spiaggia, e non solo, di ogni tipo di prodotto. Durante una commissione provinciale sul turismo fu calcolato che un venditore incassa circa 300 euro al giorno per 90 giorni per quanti venditori (200/300?). Si parla di milioni di euro solo all'Elba. Evasione, violazione dei regolamenti comunali e regionali per la vendita itinerante, racket (i venditori infatti hanno un capo da cui prendono le merci. Funziona all'incirca come la prostituzione), violazione delle norme igienico/sanitarie se si vende cibo, rischio di risse e violenze per il predominio delle zone di vendita, disturbo ai turisti costante, concorrenza sleale. 

Un danno al commercio e al turismo incalcolabile. - spiega Marco Landi - Dare soldi a queste persone non li aiuta perché devono, comunque, rendere conto ad altri e non permette loro di integrarsi.

É una cosa che denuncio da diversi anni - conclude Landi - ho sempre cercato di collaborare con le forze di polizia per agevolarle in un lavoro sicuramente non facile".

Quello che è certo che il fenomeno è una realtà, una realtà ben visibile a tutti. Tanto che alcuni frequentatoti di facebook raccontano di aver visto più volte nel capoluogo elbano ed in altre località dell'isola furgoni carichi di mercanzia già pronta per essere ceduta ai venditori ambulanti abusivi. 

Un sistema di vendita controllato ed organizzato i cui numeri spaventano davvero. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il fatto è accaduto nel pomeriggio nel territorio comunale di Portoferraio. La persona è stata trasferita con l'elisoccorso Pegaso
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità